Dal verde al marrone: caldo record, emergenza siccità e incendi in Europa

Le temperature sempre più elevate stanno facendo seccare la vegetazione anche nei Paesi del Nord

A pochi giorni dalle drammatiche immagini degli incendi in Grecia, che hanno fatto quasi 100 morti e dove l’emergenza non è ancora finita, un satellite dell’Esa (l’Agenzia Spaziale Europea) ha mostrato come tutta l’Europa nel giro di un mese sia diventata color marrone a causa della siccità.

Le immagini riprese dai satelliti Sentinel-2 e Sentinel-3 elaborate dall’Esa mostrano un’Europa sempre meno verde e più secca, anche nelle regioni del Nord. Non per niente anche la Svezia è soggetta in queste ore ad incendi. Nell’impressionante video messo online dall’Agenzia Spaziale si vedono Danimarca e Regno Unito trasformarsi rapidamente in distese marroni.

La mancanza di pioggia ha trasformato il consueto paesaggio di questi Paesi, tanto che in Galles si stanno scoprendo siti archeologici e disegni di fondamenta di costruzioni antiche mai viste prima perché da sempre coperte dalla vegetazione.

Se in Italia finora il caldo non è stato insopportabile, nelle regioni del Nord Europa questo è stato un anno decisamente anomalo. In Norvegia qualche giorno fa si sono superati i 30 gradi centigradi e nell’Artico sono state registrate temperature di oltre 15 gradi sopra la norma.

Anche i satelliti della Nasa confermano l’espansione del “marrone” e i ricercatori hanno messo online una mappa da cui si vede come negli stessi mesi, dal 1980 a oggi, le temperature si siano alzate.

La World Weather Attribution, un consorzio di studiosi provenienti da Istituti e Università di tutto il mondo, ha da poco pubblicato uno studio in cui mostra come queste ondate di caldo si verifichino sempre più frequentemente ora anche in Nord Europa e, attraverso il confronto con alcuni modelli, correlano questa maggior incidenza all’effetto delle attività dell’uomo.

Diversi studi, ben riassunti da un articolo de l’Economist tradotto da Internazionale, evidenziano come la Terra oggi stia diventando sempre più calda e come queste ondate di calore siano sempre più frequenti e dalle conseguenze complesse.

Non sono pochi poi gli studiosi che correlano i cambiamenti climatici con le guerre e le migrazioni, come spiegano nel libro “Effetto Serra, effetto guerra” Grammenos Mastrojeni, analista diplomatico e Antonello Pasini, fisico del clima.

Sono questioni da analizzare seriamente, in tutte le loro conseguenze. Tra giochi delle correnti, umidità, caldo anomalo e fenomeni estremi, il rischio è perdere raccolti, avere città invivibili, perdere prodotto interno lordo, vedere sparire specie animali e vite umane.

 

Nelle foto: il castello di Malahide a Dublino, fotografato a pochi giorni di distanza (Ph.Courtesy of Joseph Smith)

Commenta con Facebook
Margherita Aina

Margherita Aina

Giornalista, ha lavorato in radio e in televisione, scrive e si occupa di comunicazione, senza dimenticare le sue radici nelle risaie novaresi

commenta

Margherita Aina

Margherita Aina

Giornalista, ha lavorato in radio e in televisione, scrive e si occupa di comunicazione, senza dimenticare le sue radici nelle risaie novaresi