Le Dolomiti da raccontare ai bambini

Dall’enrosadira allo “spirito” vero della montagna…con qualche dritta.

Sono le montagne più belle del mondo, Patrimonio naturale dell’umanità Unesco, non c’è competizione, vai, cerchi, vedi, ma poi torni da loro, i colori, gli scorci, i panorami mozzafiato dovunque giri lo sguardo, sono là e non altrove.

E, a proposito di colori, cosa c’è di più affascinante dell’enrosadira all’alba e al tramonto? Il termine viene dal ladino “diventare rosa” ed è il fenomeno per cui la maggior parte delle cime delle Dolomiti assumono un colore rosa scuro, rossastro, che passa gradatamente al viola, soprattutto all’alba e al tramonto. Questo fenomeno è dovuto alla composizione delle pareti rocciose delle Dolomiti, formate dalla dolomia contenente dolomite, un composto di carbonato di calcio e magnesio e si nota soprattutto nelle sere d’estate, quando l’aria è particolarmente limpida e il sole lucente cala a occidente.

Il fenomeno dell’enrosadira può manifestarsi, in maniera considerevole, diversamente nei vari periodi dell’anno, e addirittura può variare anche tra un giorno e l’altro. Queste variazioni di tinte e durata dell’enrosadira, sono dovute alle diverse posizioni del sole durante l’anno e alle condizioni dell’atmosfera; all’alba l’enrosadira appare sulle crode rivolte a est, mentre al tramonto sono le pareti rivolte a ovest a colorarsi magicamente.

Come tutti i fenomeni naturali anche l’enrosadira ha la sua leggenda che viene da lontano e si intreccia con altre varie leggende delle Dolomiti…. Re Laurino, re dei nani, possedeva un giardino meraviglioso pieno di rose, il Rosengarten (Giardino delle rose) o Catinaccio. Il popolo dei nani scavava nelle viscere delle montagne alla ricerca di cristalli e metalli preziosi, il loro re, aveva due armi magiche: una cintura che gli forniva una forza pari a quella di dodici uomini ed una cappa che lo rendeva invisibile.
Un giorno il re dell’Adige decise di trovare marito alla principessa Similde, sua figlia, e per questo motivo invitò tutti i nobili del circondario ad una gita di maggio, tutti trannei il Re Laurino. Questi decise allora di partecipare comunque, ma come ospite invisibile. Quando sul campo del torneo cavalleresco ebbe modo di vedere Similde, colpito dalla sua stupenda figura, se ne innamorò all’istante. La caricò in groppa al suo cavallo e fuggì a spron battuto. I combattenti si lanciarono subito all’inseguimento per portare indietro Similde, schiarandosi in breve davanti al giardino delle rose. Re Laurino allora indossò la cintura che gli dava la forza di dodici uomini e si gettò nella lotta. Quando si rese conto che nonostante tutto stava per soccombere, indossò la cappa e si mise a saltellare quà e là nel giardino, convinto di non essere visto. Ma i cavalieri riuscirono a individuarlo osservando il movimento delle rose sotto le quali Laurino cercava di nascondersi.
Lo afferrarono, tagliarono la cintura magica e lo imprigionarono. Laurino irritato per il destino avverso si girò verso il Rosengarten che lo aveva tradito e gli lanciò una maledizione: né di giorno né di notte alcun occhio umano avrebbe potuto più ammirarlo. Laurino però dimenticò il tramonto e l’alba e così allora accadde che il Catinaccio, sia al tramonto che all’alba, da allora, si colori come un giardino di ineguagliabile bellezza.

Le leggende hanno un certo fascino, ma la geologia e la storia dei mutamenti terrestri ancora di più, perciò spieghiamo bene ai bambini la genesi delle roccie dolomitiche che risale a più di 200 milioni di anni fa, dove tutto è iniziato a partire dal fondale di uno sconfinato mare molto più vasto dell’attuale Mediterraneo.  Il mare sovrastava la penisola italiana e il fondale marino era costituito da diversi elementi, tra cui alghe calcaree, coralli e altri organismi tipici degli ambienti marini tropicali che, nel corso di intere ere geologiche, si sedimentarono dando origine all’attuale roccia che compone le Dolomiti.
Ma andiamo per gradi, 270 milioni di anni fa, quando le zolle continentali non si erano ancora separate, erano unite in un grande e unico continente: la Pangea. Le coste di questo super continente erano caratterizzate da una profonda insenatura, un golfo, che un famoso geologo di origine australiana, alla fine del secolo scorso, battezzò col nome di Tetide. Il contesto geologico del fondale di questo golfo fece da scenario alla nascita delle Dolomiti.

La Pangea appariva una zona subdesertica solcata torrenti che trasportavano detriti di vario genere e puntellata di laghi temporanei con acque poco profonde. Il clima era arido e caldo. Le numerose perturbazioni climatiche non portavano pioggia, ma solo un vento caldo e secco. Il grande caldo insieme all’assenza di precipitazioni, causarono forti evaporazioni e, conseguentemente, portarono ad altissime concentrazioni di sale nell’acqua. Così, sul fondo di questo mare si accumulavano sedimenti che, nel corso di secoli, finirono per trasformarsi in roccia. Inoltre, i movimenti della crosta terreste insieme a continue attività vulcaniche, contribuirono al grande mutamento.

Le rocce così sedimentate, rimasero sepolte nelle profondità marine fino a quando, le forze dei terremoti, maremoti e grandi frane sottomarine innalzarono gli antichi strati del fondale marino fino alle altezze delle attuali Dolomiti. Le rocce emerse apparivano uniformi e continue, ma, nel corso dei secoli, i cambiamenti climatici e le forze della natura agirono sulle neo formate Dolomiti, erodendo ed eliminando le zone più friabili. Le rocce più dure rimasero invece integre, ma iniziarono pian piano a modificarsi in canaloni, pareti spigolose e bellissime crode. A testimonianza del loro passato remoto, i resti di fossili di molluschi ci raccontano storie di mari e di lagune brulicanti di vita che mostrano il cambiamento del nostro pianeta.

Sulle infinite distese di pianure scorazzavano i pareiasauri erbivori, tra i più grandi primi rettili, in grado di raggiungere i tre metri di lunghezza. La maggior parte di questi rettili si estinse velocemente.

Verso la fine del Permiano, nell’area delle odierne Dolomiti, ovvero più o meno 255 milioni di anni fà, il mare divenne il dominatore assoluto. E 235 milioni di anni fa, avvenne una caduta a grande profondità e la regione delle Dolomiti sprofondò sempre più. In parte per 1.000 metri e più. In una corsa contro il tempo, i coralli dovettero costruire le loro barriere sempre più in alto. Una gran parte dei più imponenti gruppi montuosi delle Dolomiti – come il Catinaccio, lo Sciliar, il Latemar, le Pale di San Martino o la Marmolada – altro non sono che possenti barriere fossilizzate!

La successiva catastrofe stava però per accadere, 228 milioni di anni fa iniziarono le potenti eruzioni vulcaniche: nell’area delle Alpi di Siusi, da Predazzo e Buffaure un’enorme quantità di materiale vulcanico venne spinta in superficie. Allo stesso modo masse laviche fluirono al di sopra del fondale marino fuoriuscendo da numerosissimi punti di uscita sottomarini. Colate laviche e depositi di tufo riempirono le depressioni tra le barriere, ricoprendo i banchi di corallo e uccidendo ogni forma di vita. La conchiglia Daonella, con le sue eleganti coste a raggiera, trovò il suo ambiente ideale nelle acque vicine alla costa delle piccole isole vulcaniche.
Su piccole isole vulcaniche sbocciò una vegetazione variegata. Sulle barriere svettanti verso l’alto si insediarono numerosi organismi, tra cui alghe, spugne e in particolare coralli.

65 milioni di anni fa avvenne la successiva grande estinzione, si estinsero le ammoniti. E con esse anche i dinosauri. Fu lo stress dello sviluppo a cui dovettero arrendersi o un potente impatto di un meteorite a porre fine alla loro vita? Questo è un mistero.

30 milioni di anni fa, lentamente, il continente africano iniziò a spostarsi verso nord avvicinandosi a quello europeo. Imponenti banchi di roccia vennero spinti l’uno sull’altro e, per così dire, pieghettati. Ebbe così inizio il ripiegamento delle Alpi. Sul Col Bechei a Fanes, a 2.500 metri, si custodiscono gli ultimi resti dell’antico mare che per oltre 200 milioni di anni ha dominato l’area delle Dolomiti; la terra però doveva intraprendere di nuovo la sua marcia trionfale.

20 milioni di anni fa, un paesaggio unico al mondo iniziò a formarsi, i primi fiumi si fecero strada a fatica tracciando il loro letto, da cui vennero plasmate le prime valli. Comparvero così sinuose cime tondeggianti. Le antiche sedimentazioni, trasformatesi in rocce e compresse, piegate, nonché spinte l’una sull’altra da possenti forze, vennero nuovamente alla luce. Rocce resistenti agli agenti atmosferici, come le antiche barriere e le piattaforme di carbonato, si innalzarono verso il cielo sottoforma di ripide cime. I resti del vulcanismo, le marne e le arenarie dei bacini marini si trasformarono in sinuose colline.

Gli ultimi 5 milioni di anni hanno costituito il periodo delle glaciazioni, dove la potenza del ghiaccio e dell’acqua ha impresso il proprio marchio sulle sedimentazioni di epoche precedenti. I ghiacciai ricoprirono la terra plasmando le valli. Le Dolomiti sprofondarono al di sotto di una coltre di ghiaccio spessa 2 km. Solo le vette più alte spuntavano da questo mare ghiacciato. Con forza gigantesca i ghiacciai hanno scalfito la roccia lasciando le loro tracce: valli a U, morene, superfici levigate.

Da allora si entra nell’era moderna, le montagne si sono ripiegate in modo impercettibile e gli strati si sono deformati, mossi da forze impetuose, creandosi così un’alternanza tra sviluppo e scomparsa. Poi è comparso l’uomo che, come nessun altro essere vivente prima di lui, ha plasmato la natura. Costruzioni che si impongono nel paesaggio naturale: dighe di sbarramento, ponti, impianti di risalita che hanno determinato dei cambiamenti. Talvolta troppi.
Ciò malgrado, la natura, nel suo corso sempre mutevole e imprevedibile, lassù troneggia su tutto e si può dire un po’ meno mutata che altrove.

Per conscere la geologia della Dolomiti, in Trentino ed in Alto Adige si trovano grandi e piccoli musei, collezioni, biblioteche: sono numerosi i luoghi nei quali si possono scoprire  i segreti delle rocce dolomitiche. Ad iniziare dal MUSE di Trento, vera “porta d’ingresso” alle Dolomiti. Per maggiori informazioni sui alcuni dei principali musei delle dolomiti clicca qui.

Le Dolomiti, ma la montagna in genere, sono certamente natura, ma sono anche cultura e le due cose si possono dire indelebilmente legate. Una cultura intessuta della vita spesso durissima che in passato è stata vissuta dalle sue popolazioni, che sa accogliere, seppur in apparenza più severi, e che sa insegnare, offrendo un’ideale palestra non solo per il corpo, ma anche per lo spirito.

In montagna si impara innanzitutto a seguire. Ordinatamente, passo dopo passo, con una cadenza che aiuta a superare la fatica e a rendere più agevole e sicuro il cammino. Si segue chi guida, chi sa dove condurci, chi meglio di noi conosce la meta e la via, ma si segue anche la persona che immediatamente ci precede. Quelli che portano zaini più pesanti o che hanno un buon ritmo di marcia vanno avanti, all’inizio della fila, in modo che il passo degli altri si adegui al loro. Di un passo cadenzato, non frettoloso né interrotto. Molto meno faticoso, nonostante il dislivello,  se mantenuto costante. Se serve, se qualcuno sembra non farcela, ci si aiuta portando «i pesi gli uni degli altri» oppure dando una mano – o meglio, in senso letterale, «la» mano – a chi ci segue.

In montagna s’impara il silenzio. Perché è in silenzio, solitamente, che si procede, per non sprecare inutilmente fiato, ma anche per «vivere» il cammino nel modo migliore, nella meditazione, assorti nel paesaggio che ci circonda, quasi come un pellegrinaggio perché in fondo ogni escursione è un pellegrinaggio verso la meta. Una meta di volta in volta diversa, ma solo in apparenza: perché qualunque cima si raggiunga, piccola o grande, è un santuario che si manifesta nel creato.

In montagna si impara a salutare, in tutte le lingue, ci si capisce; si deve imparare a non sporcare, a dare la precedenza o aiutare chi è più debole o indifeso, a porre attenzione a come ci si muove perchè una distrazione, specie nei sentieri più impervi o in quota, può costituire un pericolo per qualcun’altro. A camminare in montagna si rimane giovani, è un dato certo, ottantenni impegnati in ferrate o percorsi con dislivelli impegnativi, che fanno invidia a ventenni per forma fisica ed energie, ne sono la prova.

Per dare un’occhiata agli itinerari più belli si consiglia il sito del Touring che raccoglie una decina di percorsi trekking segnalati, “schedati” ed organizzati per difficoltà, dislivello, pendenze e sentieri segnalati e il sito www.alto-adige.com dove sono organizzate nello stesso modo le escursioni, ma suddivise per località dolomitica.

I percorsi ad anello– il giro del Sasso Piatto, l’anello del Piz Boè, l’anello del Pelmo, il giro del Lagazuoi, il giro della Bullaccia all’Alpe di Siusi, per dirne alcuni- sono sicuramente i più affascinanti, perchè i paesaggi sono sempre nuovi. Il livello di impegno, anche qui, può essere modulato in base alla preparazione fisica, e, se impegnativo,  supportato dall’uso degli impianti nei dislivelli maggiori.

Tutte le mappe fornite gratuitamente dagli uffici turistici locali forniscono informazioni dettagliate sui percorsi più belli e del tipo di sentieri che li costituiscono (muoversi sempre su sentieri segnalati è la regola principe!), ma se viaggiate con bambini piccoli c’è un sito molto ben fatto e molto utile che tratta sempre di percorsi segnalati, selezionati, bellissimi e,  in più,  fattibili con passeggini o bici (in base alla dimensione e stato del sentiero) e di breve, media durata. Cliccate qui per maggiori info.

Buone Dolomiti a tutti, ma soprattutto ai più piccoli!

 

 

 

[ “Sii tutto ciò che ti rende felice”. Al mio babbo, Luigi, un uomo libero]

 

 

 

 

 

Fonti:

https://www.dolomiten.net/it/scoprire-gustare/tradizione-storia/nascita-dolomiti/dolomiti-genesi-di-un-paesaggio.asp
http://www.toscanaoggi.it/Italia/La-montagna-maestra-di-vita
https://www.visittrentino.info/it/tour/
https://vivalascuola.studenti.it/le-dolomiti-e-la-loro-genesi-177453.html

 

Foto di copertina: Photo by eberhard grossgasteiger from Pexels.

Altre foto nel testo: Photo by Nicholas James Singh from Pexels, Photo by Simon Migaj from Pexels. Foto dell’Autore.

Commenta con Facebook
Elisa Poggiali

Elisa Poggiali

Ingegnere ambiente e territorio, membro del database 100 esperte.it nei settori S.T.E.M., si occupa di ambiente, tecnologia, innovazione e networking per la sostenibilità.

commenta

Elisa Poggiali

Elisa Poggiali

Ingegnere ambiente e territorio, membro del database 100 esperte.it nei settori S.T.E.M., si occupa di ambiente, tecnologia, innovazione e networking per la sostenibilità.