Obesità infantile: l’Italia tra i Paesi europei con i tassi più alti

La Dieta mediterranea sembra ormai un vecchio ricordo, sopraffatta dall’invasione dei fast food.

Nonostante i miglioramenti registrati rispetto a dieci anni fa, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità il nostro Paese è nella classifica dei peggiori Paesi europei per obesità infantile. I pediatri, però, non demordono, e stilano un decalogo per prevenire l’obesità nei bambini

I bambini con problemi di peso in eccesso nel nostro Paese sono molti. Troppi. Più di quanto si potrebbe immaginare, considerando che l’Italia è la patria della dieta mediterranea. In particolare, secondo gli ultimi dati, due su dieci (il 21,3%) sono in sovrappeso e uno su dieci (9,3%) è obeso, per un totale di tre bambini su dieci che pesa più di quanto dovrebbe. Al punto che, nonostante i miglioramenti registrati rispetto a dieci anni fa, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità il nostro Paese è tra quelli con i peggiori tassi di obesità infantile.

Sotto accusa gli errori a tavola…

Sotto accusa errati stili alimentari: “In Italia  l’8% dei bambini salta la prima colazione e il 33% fa una colazione comunque inadeguata, cioè sbilanciata in termini di carboidrati e proteine condizionando negativamente l’equilibrio calorico del resto dei pasti – spiega Angela Spinelli, Direttrice del Centro Nazionale per la Prevenzione delle malattie e la Promozione della Salute (CNaPPS) dell’Istituto Superiore di Sanità – a metà mattina, infatti  il 53% fa una merenda troppo abbondante e a tavola il 20% dei genitori dichiara che i propri figli non consumano quotidianamente frutta e verdura, mentre durante la giornata il 36% consuma quotidianamente bevande zuccherate o gassate. Neanche sufficientemente ancora ci avviciniamo a un corretto bilanciamento dei nutrienti nell’alimentazione dei nostri bambini”.

…e il poco movimento fisico

Non solo errori nell’alimentazione. Un altro fattore che contribuisce all’aumento di peso corporeo nei bambini è la scarsa attività fisica. Basta pensare che, come spiega Spinelli, “quasi un bambino su cinque e un adolescente su sei durante la settimana non svolge alcun tipo di esercizio fisico né giochi di movimento, o lo fa al massimo una volta a settimana, quando invece le indicazioni per una vita salutare parlano di un’ora quotidiana di attività”. L’attitudine alla sedentarietà è poi rinforzata dall’uso delle tecnologie: tra videogiochi, tv e smartphone il 41% interagisce con uno schermo per più di 2 ore al giorno, sottraendo tempo a passatempi più movimentati.

Piccoli passi in avanti (che non bastano)

Sebbene la battaglia contro l’obesità infantile sia ancora lontana dall’essere vinta, qualche passo in avanti nel nostro Paese è stato compiuto: secondo i dati aggiornati al 2016 rilevati dal Sistema di Sorveglianza Okkio alla Salute promosso dal Ministero della Salute e dal Centro per il Controllo e la prevenzione delle Malattie (CCM), coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità, in Italia in meno di dieci anni i bambini obesi e in sovrappeso sono diminuiti del 13%: in particolare l’indagine mostra che la percentuale di bambini obesi di età compresa tra i 6 e i 10 anni è scesa dal 12% del 2008/09 al 9,3% del 2016, e quella dei bambini in sovrappeso è passata dal 23,2% del 2008/9 al 21,3% del 2016.

La Dieta mediterranea sembra un vecchio ricordo

Nonostante i progressi degli ultimi anni, l’Italia figura ancora tra i paesi europei con i peggiori tassi di obesità infantile. A dimostrarlo sono i dati raccolti dalla “Childhood Obesity Surveillance Initiative – COSI” dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, a cui partecipano più di 30 Paesi e in cui l’Italia figura tra le nazioni con i più elevati livelli di sovrappeso e obesità. Un quadro della situazione che viene confermato anche dal Food Sustainability Index (l’indice di sostenibilità alimentare realizzato dall’Economist Intelligence Unit e dalla Fondazione Barilla Center for Food & Nutrition), strumento che mette a confronto 34 Paesi del mondo in base all’impatto ambientale e socioeconomico dei loro modelli alimentari, secondo cui il nostro Paese è sempre più all’avanguardia in quanto a tecniche agricole a basso impatto ambientale, ma sempre più distante da una cultura alimentare legata al territorio: tanto che, nella classifica dei paesi più virtuosi dal punto di vista alimentare che guarda a fattori quali adeguatezza nutrizionale, bassi livelli di carenza di micronutrienti e tassi di obesità, l’Italia risulta all’ottavo posto, preceduta da Francia (al primo posto), Portogallo, Grecia, Spagna, Israele, Turchia e Tunisia.

Poca educazione nutrizionale (e troppo fast food)

“La posizione sorprendentemente bassa occupata dall’Italia in questa classifica (8° posto)”, si legge nel report, “è essenzialmente riconducibile alla voce che riguarda l’obesità infantile (nonostante vi sia stato un leggero miglioramento negli ultimi anni), nonché a un punteggio relativamente basso per i modelli alimentari (soprattutto a causa di una scarsa educazione nutrizionale e a un numero relativamente alto di persone che mangiano nei fast food). Il punteggio basso riportato alla voce modelli alimentari potrebbe essere in parte dovuto al fatto che, a seguito della crisi finanziaria mondiale del 2008-09, in Italia è aumentato in maniera significativa il numero di persone che vivono al di sotto della soglia di povertà nazionale (il 29%, rispetto al 14% in Francia e al 19% in Portogallo)”.

Il decalogo anti-obesità dei pediatri

Per cercare di mettere un argine al dilagare del sovrappeso e dell’obesità tra i bambini, la Società Italiana di Pediatria (SIP) e la Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (SIEDP) hanno messo a punto un decalogo da osservare in diverse fasi della vita e a partire dalla gravidanza – perché le abitudini materne possono influenzare anche di molto la futura salute del bimbo.

1) In gravidanza la futura mamma deve fare attenzione all’eccessivo aumento di peso materno e al fumo: troppi chili in gravidanza si associano infatti a un aumentato rischio di sviluppare l’obesità in età evolutiva. Quanto al fumo, oltre ai tanti danni alla salute per la gestante e per il feto, il fumo materno nel periodo perinatale aumenta il rischio di sovrappeso all’età di 7 anni (indipendentemente dal peso alla nascita). Il rischio aumenta se la madre fuma anche nel periodo postnatale o se il bambino è esposto al fumo passivo.

2) Favorire l’allattamento al seno esclusivo possibilmente fino a 6 mesi: riduce tra il 12 e il 26% il rischio obesità nelle età successive.

3) Evitare un eccessivo aumento di peso e del rapporto peso/lunghezza sin dai primi mesi di vita: un rapido incremento di peso nei primi mesi di vita è un fattore di rischio per l’obesità. L’azione preventiva si basa principalmente sull’attenzione al tipo, quantità e periodo di introduzione degli alimenti. Seguire sempre i consigli del pediatra.

4) Non introdurre prima dei 4 mesi alimenti solidi e liquidi diversi dal latte materno o dalle formule per lattanti. Le raccomandazioni nutrizionali internazionali e nazionali suggeriscono di iniziare l’alimentazione complementare quanto più possibile vicino ai 6 mesi di vita.

5) In età scolare, a partire quindi dai 6 anni, è più facile che il bambino, anche in compagnia dei genitori, mangi più spesso fuori casa: è bene stabilire fin da subito regole chiare e limitare l’uso dei fast food, che si associa a un aumento di assunzione di “cibo spazzatura” e a una ridotta assunzione di vegetali freschi.

6) Evitare bevande zuccherate, sport drink, succhi di frutta con zuccheri aggiunti. In età adolescenziale, inoltre, no a bevande alcoliche e energy drink.

7) Ridurre a meno di 2 ore al giorno cumulative il tempo trascorso davanti a uno schermo (TV, videogiochi, computer, cellulare, ecc.): a causa di queste attività i bambini corrono il rischio di mangiare in modo meno salutare e di fare meno attività fisica.

8) Favorire il riposo notturno: dormire poco è infatti un potenziale fattore di rischio per il sovrappeso e l’obesità in età pediatrica.

Infine, due regole che valgono per tutta la vita: seguire un’alimentazione a bassa densità calorica, basata sui principi della dieta mediterranea, con almeno 5 porzioni tra frutta, verdura e ortaggi, privilegiando le fonti vegetali di proteine e ripartita in circa 5 pasti giornalieri; trascorrere mediamente almeno 60 minuti al giorno in attività fisica di livello almeno moderato.

Commenta con Facebook
Miriam Cesta

Miriam Cesta

Giornalista professionista, collabora con diverse testate dedicate al mondo della salute, della medicina e del benessere.

commenta

Miriam Cesta

Miriam Cesta

Giornalista professionista, collabora con diverse testate dedicate al mondo della salute, della medicina e del benessere.