Uranio impoverito: la storia infinita

La Commissione istituita dal Parlamento per indagare sull’uranio impoverito ha reso noti i risultati del proprio lavoro, rivelando “criticità che hanno contribuito a seminare morti”.

E’ notizia di mercoledì 7 febbraio 2018: la quarta Commissione istituita dal Parlamento per indagare sull’uranio impoverito ha concluso i propri lavori e nella relazione finale, approvata con 10 voti favorevoli e due contrari, afferma che “criticità hanno contribuito a seminare morti e malattie tra i lavoratori militari” e continua: “Inadeguate norme sicurezza militare e negazionismo: risultato devastante“.

Le “reiterate sentenze della magistratura ordinaria e amministrativa” si legge ancora nella relazione hanno “costantemente affermato l’esistenza, sul piano giuridico, di un nesso di causalità tra l’accertata esposizione all’uranio impoverito e le patologie denunciate dai militari o, per essi, dai loro superstiti. Per l’uranio è stato altresì riconosciuto sul piano scientifico, con la Tabella delle malattie professionali Inail approvata nel 2008, il nesso causale per la nefropatia tubolare“.
I virgolettati che riportiamo sono tratti da questo articolo di Repubblica.it.

Come prevedibile lo Stato Maggiore della Difesa è insorto: “Accuse inaccettabili”, affermando di non aver mai acquistato o utilizzato proiettili rivestiti di uranio impoverito.

Forse si è cercato di far passare sotto silenzio, di insabbiare questa scomodissima verità?

Si legge nella relazione della Commissione: “Si tratta della vicenda relativa al militare Antonio Attianese, vittima di una grave patologia insorta a seguito della sua permanenza in territori contaminati dalla presenza di uranio impoverito in Afghanistan. Davanti alla Commissione, il 15 marzo 2017, denunciava l’atteggiamento ostruzionistico di alcuni superiori e le gravi minacce da lui subite nel corso delle pratiche relative alla sua richiesta di causa di servizio“.

E inoltre: “Nel corso di un’intervista televisiva andata in onda pochi giorni prima, il generale Carmelo Covato aveva affermato che i militari italiani impiegati nei Balcani erano al corrente della presenza di uranio impoverito nei munizionamenti utilizzati ed erano conseguentemente attrezzati. Affermazioni, queste, che apparivano in contrasto con le risultanze dei lavori della Commissione e con gli elementi conoscitivi acquisiti nel corso dell’intera inchiesta“.

Di uranio impoverito si parla ormai da più di vent’anni.

Fu una della più importanti battaglie di Franca Rame, la quale portò alla luce tutta la brutta faccenda prima nel suo blog e poi dai banchi del Senato.

Franca Rame pubblicò numerose testimonianze e inchieste nonché le lettere inviate al Governo perché indagasse a fondo sulla causa delle centinaia di morti dei reduci dell’Afghanistan e del Kossovo. Allora si chiamava la “Sindrome del Golfo”.

E non si limitò a denunciare il problema ma andò a trovare a casa i ragazzi ammalati, aiutò le famiglie, pagò di tasca propria medicine, cure e purtroppo anche funerali.

Qui di seguito una lettera al direttore del Corriere della Sera pubblicata il 31 maggio del 1999. La riportiamo integralmente.

Caro Direttore,

il 17 aprile il portavoce Nato, generale Giuseppe Marani, ha dichiarato che «proiettili anticarro con uranio impoverito sono stati usati dai piloti alleati contro le forze serbe in Kosovo» e ha aggiunto che questi proiettili «non comportano alcun rischio» perché hanno un livello di radioattività «non superiore a quello di un orologio» (da il manifesto 20 aprile ’99).

Permetteteci di dubitare del buon senso di questa affermazione. L’uranio impoverito, ci dicono i libri di fisica, ha una radioattività pari al 60% di quello naturale ed è un prodotto di scarto delle centrali nucleari. Fino a ieri veniva immagazzinato con mille precauzioni a costi altissimi.

Poi si è scoperto che poteva essere usato per ricoprire i proiettili anticarro. Al momento dell’esplosione si incendia sviluppando una temperatura altissima e buca l’acciaio come fosse burro. Bruciando si trasforma in una polvere sottilissima che si sparge nell’aria.

Molti studiosi hanno sollevato gravi dubbi sul fatto che sia innocuo. Già nel ’79 un rapporto del «U.S. Army Mobility Equipement Research & Development Command» sosteneva che l’uso di questi proiettili metteva in pericolo «non solo le persone nelle immediate vicinanze ma anche quelle che si trovano a distanza sotto vento… le particelle… si depositano rapidamente nei tessuti polmonari esponendo l’ospite a una crescente dose tossica di radiazioni alfa, capace di provocare cancro e altre malattie mortali».

Un altro studio commissionato dall’esercito americano (Science Applications International Corp., luglio 1990) afferma: «L’uranio impoverito provoca il cancro quando penetra nell’organismo e la sua tossicità chimica causa danni ai reni». Nonostante questi avvertimenti i proiettili ricoperti di uranio impoverito furono usati nella guerra del Golfo. Subito dopo, nel novembre 1991, il quotidiano londinese The Independent pubblicò uno studio segreto dell’Ente atomico britannico (Ukaea) sui potenziali pericoli costituiti dalla radioattività presente nelle zone dei combattimenti in Iraq e Kuwait a causa di questi proiettili.

In questo momento il Pentagono si trova in grande imbarazzo perché dopo la guerra del Golfo più di 80.000 veterani si sono ammalati della cosiddetta Sindrome del Golfo; più di 4500 sono morti, centinaia sono i figli dei reduci nati deformi. Il 5 luglio 1998 il Washington Post ha pubblicato un articolo che avalla la tesi sostenuta da molti ricercatori: una delle cause principali di questa sindrome sono i proiettili all’uranio. La Rai ha commissionato su questo argomento un documentario al regista Alberto D’Onofrio e poi lo ha censurato.

Evidentemente però anche il Pentagono qualche dubbio lo deve avere: il San Francisco Examiner del 17 agosto ’97 riporta il testo di un manuale di addestramento militare Usa che raccomanda di usare sempre guanti speciali toccando i proiettili e di indossare una maschera speciale mentre questi vengono sparati, concludendo: «Ricordate di stare sempre lontani, se possibile, dagli equipaggiamenti e il terreno contaminati».

Ma pare che la situazione in Iraq sia gravissima. Gli elicotteri Apache e gli aerei A10 sono dotati di un cannoncino a 7 canne in grado di sparare 4200 proiettili al minuto. Ogni proiettile è ricoperto da circa 300 grammi di uranio. Le stime più prudenti parlano di più di 300 tonnellate di uranio impoverito scaricate su Iraq e Kuwait. Decine di migliaia sarebbero i morti, gli aborti e le nascite deformi, centinaia di migliaia i malati.

Il professor Siegwart-Horst Gunther, presidente della Croce Gialla, ha condotto uno studio impressionante sulle malattie contratte da bambini che si erano trovati a giocare con i bossoli esplosi di questi proiettili e sulle nascite deformi di bimbi e animali nelle zone dei combattimenti.

L’esperienza di questo medico tedesco offre anche una prova indiretta della radioattività di questi proiettili. Egli riportò in Germania un bossolo esploso per poterlo fare analizzare e fu per questo condannato per violazione delle «leggi nucleari».

Le organizzazioni pacifiste americane hanno raccolto un dossier enorme sugli effetti di questi proiettili non solo in Iraq, ma anche in Bosnia dove si è riscontrato un notevole aumento di casi di leucemia nelle aree dove hanno operato gli A10 e in una zona del Costarica dove i proiettili all’uranio impoverito sono stati usati in una esercitazione.

Ce n’è abbastanza per non sentirsi tranquilli davanti all’ammissione dell’uso di queste armi in Kosovo. E certo non ci saranno molto grati i kosovari, visto che questo uranio è radioattivo per secoli, almeno 4000 anni, secondo le stime più prudenti.

Alle interpellanze parlamentari di Semenzato e Paissan, il governo ha risposto che l’Italia non usa queste armi e che si adopererà perché non si usino ma che non si sa nulla di preciso perché c’è il segreto militare.

Non è una risposta esauriente.

In una situazione così pericolosa non ci si può limitare a sperare che i pessimisti abbiano torto. Anche la nostra più viva speranza è che l’uranio impoverito sia innocuo, anzi preghiamo che si scopra che è un ottimo ricostituente, fa venire i denti più bianchi e ridà la voglia di far l’amore agli amanti stanchi. Ma se non è così?

Spargere materiale radioattivo è un gesto da tribunale per i crimini di guerra. E il fatto ci riguarda molto da vicino perché la polvere di uranio può essere trasportata dal vento anche per centinaia di chilometri.

Forse sarebbe il caso che non si continuasse a far finta di niente e l’Italia ponesse un veto assoluto all’uso di queste armi chiedendo l’apertura di un’indagine internazionale. Se poi si stabilirà con certezza che fanno bene alla salute saremo lieti di acquistare un centinaio di proiettili da tenere in giardino.

Speriamo che D’Alema non voglia rischiare di essere ricordato come un fiancheggiatore degli autori di un genocidio. Uno che quando gli chiedono: «Ma lei non sapeva niente?» risponde: «La Nato mi aveva assicurato…».

Per concludere vorremmo ricordare che la situazione è particolarmente insidiosa perché i proiettili all’uranio sono un affare colossale, permettono di trasformare le scorie nucleari (che è costosissimo conservare in modo sicuro) in una materia prima preziosa.

Le azioni delle imprese che producono questi ordigni stanno aumentando il loro valore rapidamente. Per fortuna, volendo, si potrebbero ripulire l’Iraq e gli altri territori contaminati, ma il costo di una simile impresa è stato stimato intorno ai 50-100 milioni di miliardi di lire. Forse poi una stangatina fiscale non sarà sufficiente a pagare il conto.

 

Commenta con Facebook
Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.

commenta

Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.