10 film sulla bicicletta per riflettere sulla vita

L’ultimo è uscito da poco nelle sale: è un film d’animazione in cui le bici sono protagoniste al cento per cento.

Anche in Bikes, sulla falsa riga di Cars, le biciclette vengono umanizzate, ma rispetto al cartoon della Pixar questa produzione ispano-cinese ha uno scopo puramente educativo e si sofferma su questioni come la tutela dell’ambiente. Protagonista è Speedy, una mountain bike che percorre a tutto ritmo le strade di Spokesville, popolate ovviamente soltanto da biciclette. Tutto scorre tranquillo finché non fa ritorno a casa il campione locale Rock Bikeson, che fa in realtà gli interessi di uomini d’affari e banchieri e vorrebbe convincere tutti ad introdurre il motore. Seguirà una sfida, in ballo c’è la salvaguardia della natura.

Prendiamo spunto da questa nuova uscita per rivedere insieme altre pellicole nelle quali la bicicletta è fulcro della trama. Alcuni di questi film apparentemente possono sembrare “leggeri” e poco impegnati, ma in realtà ci mostrano uno spaccato di società attuale o dei decenni passati e ci fanno riflettere su grandi tematiche e questioni ancora aperte. La lista non è assolutamente esaustiva… quanti altri film conoscete in cui senza le biciclette mancherebbe qualcosa di fondamentale?

Breaking away – 1979

Questo film di Peter Yates è ambientato in Indiana ma profuma molto di Italia. Quattro amici da poco diplomati trascorrono il tempo insieme, sapendo di non avere abbastanza denaro per iscriversi all’università. Dave, uno di loro, è appassionato di biciclette e adora l’Italia, conosce la musica lirica e le espressioni italiane, si finge persino italiano per amore. Proprio a una gara di ciclismo però riceverà una delusione amorosa, la stessa gara durante la quale gareggia la squadra italiana Cinzano, che lo fa andare fuori di pista e lo spinge a confessare alla ragazza corteggiata le sue reali origini. Dave, sconsolato, inizia a odiare l’Italia e anche la bicicletta, ma grazie al padre riacquista fiducia, con i vecchi amici si iscrive a una gara di ciclismo, che vincono. Dulcis in fundo, si iscriverà al College. Oscar per la migliore sceneggiatura originale a Steve Tesich

Appuntamento a Belleville – 2003

“Les Triplettes de Belleville” è un film d’animazione francobelgacanadese che, nonostante sia recente, cattura grazie alla sua fotografia volutamente vintage. Il protagonista è Champion, cresciuto da Madame Souza, che ad un certo punto gli regala un triciclo, capace di farlo sorridere. È questo triciclo che lo porterà ad appassionarsi al ciclismo e a partecipare persino al Tour de France. In quest’occasione però Champion viene rapito e portato a Belleville da alcuni gangster che vorrebbero utilizzarlo in un giro di scommesse clandestine costringendolo a pedalare insieme ad altri malcapitati in una macchina che simula una gara ciclistica. A risolvere la situazione penserà Madame Souza.

Ladri di biciclette – 1948

Impossibile non inserire in questa lista uno dei capolavori del neorealismo italiano, di cui Vittorio de Sica, oltre che regista, è anche produttore e in parte sceneggiatore. 

Siamo a Roma. Antonio Ricci, disoccupato, riesce a trovare lavoro come attacchino comunale, ma ha bisogno di una bicicletta, così sua moglie dà in pegno le lenzuola per procurargliene una. La bicicletta però viene rubata. La polizia, denunciato il furto, non può fare molto, quindi Ricci si mette alla ricerca della bici insieme a un compagno del partito comunista, ai colleghi netturbini e al figlio Bruno. Ma della bici nessuna traccia. Ricci riconosce però il ladro. Accade a Porta Portese. Il ladro è insieme a un barbone, che Ricci segue fino ad una mensa dei poveri, ma con scarsi risultati, visto che il barbone scapperà. Ricci prova persino a rivolgersi a una specie di veggente, che gli dà una risposta del tutto inutile e beffarda. Il ladro ricompare in un quartiere poco raccomandabile, dove i residenti ne prendono le difese. Sulla via di casa, stanchi e delusi, Ricci e Bruno intravedono una bici incustodita. Un segno del destino? Il tentativo di appropriarsene è maldestro, Ricci rischia persino il carcere per questo gesto, lo evita grazie ai pianti del figlio. Nulla di fatto, si fa sera su Roma.

La bicicletta verde – 2012

Celebre anche perché girato dalla prima regista donna in Arabia Saudita, Haifaa Al-Mansour. La Bicicletta Verde ha come protagonista Wadjda, una bambina Saudita che tenta di sfidare le tradizioni e gli ostacoli culturali che non le permettono di vivere come vorrebbe. Di nascosto, usa la bicicletta del suo amico Abdullah ma, quando decidono di fare una gara, lei non ha una bicicletta. Ecco allora che compare quella verde del titolo, avvistata da Wadjda dapprima durante il tragitto verso la scuola ancora imballata nel cellophane, poi in un emporio. La bambina offre come “pegno” al negoziante una musicassetta e inizia a mettere da parte un gruzzoletto per poterla un giorno comprare. L’occasione arriva quando Wadjda vince il denaro messo in palio dal concorso scolastico annuale di conoscenza del Corano, impegnandosi duramente nonostante il poco interesse per le questioni religiose. Ma i professori non trovano moralmente corretto che spenda quel denaro per l’acquisto di una bicicletta, così lo danno in beneficenza. Gliela donerà sua madre in un momento particolare. Essendo la donna ormai sterile, il marito ha deciso di sposarsi con un’altra donna; il giorno del matrimonio Wadjda riceve in regalo dalla mamma la sua tanto desiderata bicicletta, simbolo anche della vittoria del mondo femminile quando agisce coeso.

American Flyers – Il vincitore – 1985

Morto il padre per aneurisma cerebrale, i due fratelli Marcus (Kevin Costner) e David Sommers si allontanano finché la madre – che vive con David – organizza un incontro riscontrando nel figlio i sintomi della stessa malattia. Soltanto il ciclismo è l’argomento comune. In realtà Marcus, medico sportivo, visita il fratello e si rende conto che è perfettamente sano, mentre lui stesso ha già quei sintomi tanto odiati. Ma tiene il segreto per se stesso. La malattia si manifesterà tempo dopo, quando i due fratelli si iscrivono a una gara di ciclismo (L’inferno del West) e Marcus viene colto da un malore, precipitando in un burrone e finendo in ospedale. David dovrà correre da solo il giorno dopo, ovviamente vincerà ma non senza prima recuperare eroicamente lo svantaggio e subire i colpi bassi degli avversari.

Senza freni – 2012

Film moderno, con protagonista un rider newyorkese, Wilee, al quale la giovane Nima affida il compito di consegnare entro 90 minuti una busta a un indirizzo di Chinatown. Il titolo non è casuale: la bici di Wilee ha un telaio di acciaio, a scatto fisso ed è proprio senza freni. Wilee corre, corre, corre, in mezzo al traffico di New York. Ma deve correre ancora più veloce quando scopre che un poliziotto corrotto vuole raggiungerlo per sottrargli la busta. L’attore che ha interpretato il protagonista ha davvero corso a tutta velocità, tanto da scontrarsi contro il retro di un taxi durante le riprese e riportare una ferita al braccio: se l’è cavata con 31 punti di sutura. Si intravede nei titoli di coda.

Quicksilver – 1986

Film con attori del calibro di Kevin Bacon (che sembra ballare anche mentre compie acrobazie varie sulla sua bici) e Laurence Fishburne sicuramente da rivedere. Racconta la storia di Jack Casey, giovane broker di successo, che dopo grandi guadagni finisce con il perdere tutto a causa di un investimento poco attento. La delusione lo spinge a ritirarsi e a cambiare vita. Inizia così a fare il bike messenger a Wall Street. Inizia però a lavorare per Lo Zingaro e per la malavita, che cerca corrieri. Conosce anche il messicano Hector, il cui sogno è comprare un carretto per hot dog per dare vita ad una catena. Jack lo aiuta ad investire i suoi risparmi in borsa e il guadagno è talmente grande che alla fine Jack riesce a recuperare quanto perduto. Ma non è finita. Lo Zingaro vorrebbe tra i suoi corrieri anche Terri, una ragazza senza denaro e senza speranze. Un giorno Terri si rifugia a casa di Jack perché capisce che l’intenzione è quella di farla prostituire. Lo scontro tra Jack e Lo Zingaro ha così inizio, ovviamente in sella ad una bicicletta.

Allez Eddy!

In un mondo in cui “gli eroi sono ancora eroi”, nel Belgio degli anni Settanta del secolo scorso, il piccolo Freddy vorrebbe tanto conoscere il suo idolo, il ciclista Eddy Merckx. L’occasione si presenta quando il paese si appresta a vivere l’apertura del primo supermercato e promuove una gara ciclistica il cui premio per il vincitore è proprio un incontro con il campione. Freddy partecipa in gran segreto, essendo suo padre contrario all’avvento della modernità che potrebbe distruggere le piccole realtà come la sua macelleria. Altro ostacolo: l’incontinenza di Freddy, che non gli ha consentito di avere finora una vita semplice ma non gli impedisce di allenarsi per tutta l’estate.

Pantani: The Accidental Death Of A Cyclist

È un documentario ma merita di essere citato, questo lavoro di James Erskine che ripercorre le gesta del nostro Marco Pantani e i retroscena oscuri che l’hanno portato alla morte. Non soltanto, quindi, le vittorie e la popolarità ma un racconto anche della vita privata e del drammatico uso di droghe, sino allo scandalo doping, alla depressione e alla morte in solitudine per overdose in un albergo di Rimini. Per tutti Pantani resta un eroe, capace di vincere nello stesso anno sia il Tour de France che il Giro d’Italia, ma un eroe solo e probabilmente incompreso che merita comunque rispetto. La sua storia farà riflettere ancora a lungo.

The Armstrong Lie – 2013

Altro documentario che fa riflettere. Il registra Alex Gibney segue Lance Armstrong e ne racconta il tentativo di ritorno all’attività agonistica, seguito dalla squalifica per doping. Ma, a dire il vero, questo documentario ha una genesi più articolata. Gibney era stato incaricato nel 2009 di realizzare un film sul ritorno di Armstrong, ma fu proprio lo scandalo doping a bloccare il progetto. Dopo la confessione pubblica del ciclista tutto viene ripreso e il risultato viene ottenuto da una prospettiva completamente diversa, quella del 2013, quando ormai le vittorie di Armstrong suonano come una grande bugia.

Immagine di copertina: Disegno di Armando Tondo

Anna Tita Gallo

Anna Tita Gallo

Giornalista pubblicista e content manager. Scrive di comunicazione, Web, marketing, pubblicità, green economy, cronaca ambientale.

Anna Tita Gallo

Anna Tita Gallo

Giornalista pubblicista e content manager. Scrive di comunicazione, Web, marketing, pubblicità, green economy, cronaca ambientale.