5 trucchi per rispettare i buoni propositi per l’anno nuovo

Il più importante è iniziare adesso

C’è qualcosa di amaro nell’ultimo dell’anno. Tempo di tirare le somme e immaginare un futuro migliore. Tra l’altro, stando alle statistiche, verso febbraio circa l’80% delle persone non avrà rispettato i buoni propostiti, e avrà messo da parte, dimenticandole, le buone intenzioni. Se seguirai queste regole rientrerai nel restante 20%, vincerai la tristezza da cenone e soprattutto avrai di fronte a te un anno migliore, per te e per chi ti vuole bene.

1. Inizia subito

Entro la metà di dicembre devi aver iniziato il tuo buon proposito per l’anno nuovo. Questo non solo lo renderà meno offuscato dai fumi di capodanno ma renderà lo stesso capodanno meno triste, più attivo, con il passato già passato e il presente e il futuro già avviati e definiti.

2. Non puntare all’impossibile

Inutile riproporsi di scrivere un best seller in un anno quando metà mondo non ci riesce in una vita, o di arrivare a una 38 se si parte da una taglia 46. Sii realista, ottimista ma realista: gli impegni che cambiano la vita sono difficili da portare a termine.

3. Sii concreto

I buoni propositi funzionano meglio quando sono specifici, misurabili, realizzabili, pertinenti e temporali.

4. Dividi in segmenti il tuo progetto

Attenersi alle risoluzioni è dura e ognuno di noi ha bisogno di tante carote per gratificarsi e caricare le batterie. Sii serio con il tuo buon proposito e datti delle scadenze: se decidi di smettere di fumare, e stai a un pacchetto al giorno, proponiti di arrivare a 15 sigarette entro febbraio, e festeggia l’obiettivo con gli amici. Entro marzo scendi a 10, e se ci riesci offriti un week end in una capitale europea (anche perché viaggiare ci rende felici, lo dice la scienza!). Ad aprile siamo a 5, e ci potremmo regalare quell’oggetto a cui aspiriamo. Maggio sarà il salto a 3, e a giugno avremo vinto la sfida definitiva.

5. Scegli un obiettivo per tema

Voglio migliorare la mia conoscenza del mondo: mi impongo 1 libro al mese. Voglio stare in salute: mi impongo un controllo al mese o un’attività fisica. Voglio cambiare il mondo: andrò in bici al lavoro.

Cosa significa essere felici?

Ricordati che, secondo gli esperti, per vivere a lungo ed essere felici nella vita servono sostanzialmente tre cose: un lavoro che ci piace, buoni rapporti sociali, fare del bene. Quindi non puntare a cambiare lavoro per cercarne uno più redditizio, ma per averne uno che sia più nelle tue corde. Datti obiettivi che includono amici e parenti, per rinforzare il vostro legame. Infine, fai beneficenza e agisci per il bene comune, iniziando, ad esempio, da obiettivi volti a raggiungere uno stile di vita più sostenibile (e People for Planet è qui per questo): scoprirai a tuo vantaggio quanto sia gratificante amare e rispettare chi e quel che ci circonda. Questo farà del tuo anno nuovo, l’anno della svolta.

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei.

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy