6 femminicidi in una settimana e niente soldi alla Casa delle Donne

Inammissibile l’emendamento del decreto Milleproroghe per finanziare la Casa Internazionale delle donne di Roma

La vicenda della Casa delle Donne di Roma è lunga e travagliata, spesso a rischio di chiusura per mancanza di fondi ma tenuta in piedi dal lavoro e dall’impegno di volontarie tenaci e la solidarietà di migliaia di persone.

Da oltre 30 anni la Casa Internazionale delle Donne è la voce di ogni donna.

Hanno accolto oltre 500.000 donne di qualsiasi classe sociale, etnia, posizione politica o credo religioso.

Ciò detto è ancora più incredibile il post che Giorgia Meloni ha postato ieri in tarda mattinata su Twitter:

«Grazie a FDI è stata bloccata l’ultima oscenità del Pd: dare quasi un milione di € del Mef, guidato da Gualtieri, alla Casa delle Donne, associazione di sinistra che si trova nello stesso collegio nel quale il Ministro è candidato. Non si usano Istituzioni per comprare consenso».

Perché è andata proprio così: è stata giudicata inammissibile la richiesta di fondi (900 mila euro) presentata dai relatori di maggioranza per salvare dallo sfratto la storica istituzione romana.

Partito Democratico e Italia Viva hanno annunciato ricorso, la destra ha insinuato che la richiesta era stata presentata per aiutare la campagna elettorale del ministro Gualtieri, è partita la rissa e la seduta è stata sospesa.

Le reazioni su Twitter sono decine, ne riportiamo solo una di Martin:

«Ah… Pensavo che la violenza sulle donne fosse un problema trasversale. Se la loro difesa è roba di sinistra, la violenza è roba di destra?»

Leggi anche:
Istat, 2018 crollo nascite: l’Italia non è un Paese per donne, figurarsi per un figlio
Violenza sulle donne: il Codice Rosso è legge. Il revenge porn diventa reato
Risolvere il problema della povertà si può: date retta alle donne

Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.

Potrebbe interessarti anche

Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy