A 9 anni rinuncia ai suoi bei capelli per farne dono a chi ne ha più bisogno

Aurora dona i suoi bei capelli a un’associazione che regala parrucche ai pazienti oncologici

Aurora ha 9 anni, vive a Pregheffio di Castelnovo ne’ Monti (Reggio Emilia) e ha donato i suoi bei capelli a un’associazione che regala parrucche ai pazienti oncologici e non solo.

Un giorno tornando da scuola Aurora ha detto alla madre, Sabrina Valentini, di aver deciso di tagliarsi la lunga chioma e farne dono ai bisognosi. “Tanto a me ricrescono”, ha raccontato la bambina e da quel momento la madre si è attivata per sostenere la decisione della figlia.

L’associazione

Dopo una ricerca in internet ha contattato l’associazione Onlus “Un angelo per capello”, che ha l’obiettivo di offrire un aiuto e un sostegno concreto ai pazienti oncologici che non possono sostenere economicamente l’acquisto di una parrucca. L’innovativa visione del progetto è tesa a promuovere un atteggiamento pro-attivo del paziente attraverso cui affrontare in maniera positiva gli ostacoli derivanti dalla patologia.

L’associazione, costituita nel 2016, è composta da esperti in campo medico, sociologico, psicologico, esperti della comunicazione e della formazione che hanno come unico obiettivo quello di aiutare i pazienti durante il difficile percorso della malattia, contribuendo attivamente nella raccolta di fondi da destinare alla ricerca, supportando l’Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma e l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla, l’Associazione Opere di Misericordia Apostole di Gesù Crocifisso – Onlus e la Caritas nel contrasto alla povertà, consci dell’importanza di favorire la Rete tra associazioni e dei risultati che solo il lavoro di squadra può dare.

La decisione

Ad Aurora l’idea è nata per caso in un giorno di scuola. “Una sua amica le ha fatto i complimenti per i bei capelli lunghi – racconta la madre – chiedendole di tagliarseli per farne una parrucca da regalarle. Quando è tornata a casa mi ha chiesto di aiutarla a donare i suoi capelli“.

Sabrina ha portato la figlia dalla parrucchiera che si è premurata di lavarle i capelli, farne una treccia e tagliarla (la lunghezza minima occorrente 25 cm). Messa la treccia in una busta sigillata è stata poi spedita allegando il testo: “Aurora ha chiesto all’associazione di donare i suoi capelli a un altro bambino. Il giorno del suo compleanno ha voluto fare lei un regalo”.

La ragazzina avrebbe voluto che il tutto fosse compiuto il giorno del suo compleanno, 8 febbraio, ma essendo di lunedì ha dovuto fisicamente farlo il sabato precedente.

Aurora ora coglie ogni occasione per mostrare orgogliosa il nuovo taglio affermando: “Vorrei che chiunque si tagliasse i capelli non li sprecasse, e rendesse felice chi non li ha“.

Solidarietà

La bambina ha respirato volontariato da quando è nata, essendo che la madre, al terzo figlio, (prima arrivarono Anastasia e Riccardo) decise di donare il cordone ombelicale della piccola Aurora.

Sabrina, la madre, ha anche contribuito, con un’amica, a costruire due cisterne d’acqua e un impianto di irrigazione per l’orto di una scuola in Brasile. Per il giorno del suo compleanno, Aurora ha deciso di fare un regalo anche a me perché l’ho partorita. Mi ha regalato un lego“.

Aurora stessa ha chiesto alla madre di divulgare la sua storia perché vorrebbe la felicità di più persone possibili, dimostrando che a ogni età si può essere solidali. “Sono già stata contattata da una mamma che ha una bimba con la leucemia – racconta la madre – che ha ringraziato Aurora per il suo gesto”.

Se prima i capelli tagliati venivano gettati via oggi, grazie alla semplicità di un gratuito gesto (come quello di Aurora), si trasformano in una forma di aiuto concreto ai bisognosi.

Doris Corsini

Doris Corsini

Collaboratrice di redazione

Potrebbe interessarti anche

Doris Corsini

Doris Corsini

Collaboratrice di redazione

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy