Addio vecchi chilo, metro e ampere

Da oggi le nuove unità di misura si basano su formule matematiche

Per chi andrà a comprare due etti di prosciutto al mercato non cambierà molto e neanche per chi si appresta alla passeggiata mattutina di 800 metri. Certo è, però, che provoca più di un attimo di turbamento il fatto che da oggi siano andati in pensione chilo, metro, secondo, ampere, kelvin, mole e candela. In una società sempre più smaterializzata, addio alla vecchia definizione delle unità di misura, ancorati a beni concreti come barre metalliche, benvenuti ai nuovi criteri di definizione. A stabilire le nuove regole non sono più punti di riferimento fisici, come il Grand Kilo, il cilindro di platino-iridio forgiato nel 1879 e conservato in un caveau di Parigi ma leggi matematiche come le costanti dell’universo.
«È una rivoluzione che non comporterà scossoni: non dovremo ritarare le nostre bilance e tutti gli altri strumenti di misura», osserva il presidente dell’Istituto Nazionale di Metrologia (Inrim), Diederik Wiersma. Nessuna conseguenza per noi poveri mortali e per la nostra quotidianità, insomma, ma nel tempo, invece, a trarre vantaggio da questo cambiamento saranno le misure relative a quantità molto piccole: potranno guadagnare in precisione settori come l’industria elettronica, l’industria farmaceutica e le applicazioni delle nanotecnologie.
«Oggi è un grande giorno – rileva la direttrice scientifica dell’Inrim, Maria Luisa Rastello – ora le unità del Sistema Internazionale di misura sono riferite a una costante fondamentale, vale a dire che sono basate su un numero che si trova ovunque: è una differenza enorme rispetto al passato, soprattutto per il chilo, che era ancora un campione materiale conservato in una cassaforte con tre chiavi assegnate a tre persone. Il nuovo sistema è molto più democratico perché i valori di riferimento sono a disposizione di tutti».

CONTINUA SU ILMESSAGGERO.IT

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!