Amazon, Alexa ci spia realmente?

Non è che gli assistenti virtuali con cui sempre più spesso ci interfacciamo, ci spiano e ci ascoltano?

Probabilmente ci abbiamo pensato qualche volta tutti noi: ma non è che gli assistenti virtuali con cui sempre più spesso ci interfacciamo, si spiano e ci ascoltano?

O, per meglio dire, i loro programmatori possono avere accesso alle nostre conversazioni?

Alla fine abbiamo liquidato in fretta la questione, pensando che dopotutto a chi potranno mai interessare le nostre questioni, ma  a quanto pare l’eventualità di essere spiati non è poi così tanto remota.

Stando a quanto scrive il Sole 24 Ore, riportando un’indiscrezione lanciata da Bloomberg, migliaia di persone verrebbero impiegate per rendere più efficiente l’assistenza Alexa che gira sui suoi altoparlanti Echo.

Bloomberg, nello specifico, racconta come la piattaforma di Jeff Bezos impieghi migliaia di persone in tutto il mondo per rendere più efficiente l’assistenza di Alexa sui dispositivi Echo. Per farlo, permette ad un team di ascoltare le conversazioni che gli utenti hanno con i propri assistenti, in modo da capire i bisogni e la soddisfazione.

I dipendenti sono obbligati a firmare un contratto che gli vieti di parlare del programma in pubblico, lavorano dalle 8 alle 9 ore al giorno e analizzano una media di 1000 registrazioni al giorno.

Amazon non memorizza nomi completi, indirizzi o codici cliente nelle sue registrazioni, ma questo poco importa perché sa benissimo che l’ID dell’account, lo username e il numero di serie dell’Echo sono necessariamente collegati ad una persona, dunque è facile per i dipendenti Amazon scoprire a quale utente appartiene la voce.

FONTE: BUSINESSANDTECH.COM

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!