Anche il dizionario è green: “upcycling” è la parola dell’anno 2019

Il riconoscimento arriva dal Cambridge Dictionary. Significa “utilizzare scarti per creare oggetti dal valore maggiore del materiale originale”

“Utilizzare materiali di scarto, destinati a essere gettati, per creare nuovi oggetti dal valore maggiore del materiale originale”: è upcycling secondo il Cambridge Dictionary la “parola dell’anno 2019” o – per essere più precisi – la “word of the year 2019”. A riportare la notizia è Cambridge Assessment English, ente certificatore del livello di lingua inglese per i non madrelingua che opera nel nostro Paese da oltre 80 anni.

La lingua inglese fa da capofila

Secondo Peter McCabe, responsabile in Italia di Cambridge Assessment English, la più prestigiosa tra le certificazioni di lingua inglese rilasciata dall’University of Cambridge e riconosciuta da più di 20 mila tra scuole, università, istituzioni pubbliche e aziende in tutto il mondo, «le nuove parole in inglese sono particolarmente importanti per chi sta imparando la lingua in quanto possono essere inserite facilmente nel proprio vocabolario abituale. Di solito poi l’inglese fa da capofila e altre lingue tendono a seguire l’esempio, o adottando direttamente il nuovo termine in inglese o trovando un equivalente nella propria lingua». 

Esaminati siti, blog e social network

Per identificare le parole da aggiungere al Cambridge Dictionary gli autori utilizzano dati provenienti da siti web, blog e social media: upcycling è stata aggiunta dopo aver notato un picco nelle ricerche relative a questa parola nel 2010.

Condivisa il 4 luglio 2019 sull’account ufficiale Instagram del Cambridge Dictionary @CambridgeWords, che ogni giorno racconta e spiega il significato di una parola presente nel dizionario, upcycling è stata la “parola del giorno” che nell’ultimo anno ha raccolto più consensi e “like” da parte dei followers e degli utenti su Instagram. Le ricerche di questa parola sul sito del Cambridge Dictionary sono cresciute del 181% dal 2011, anno in cui è stata aggiunta per la prima volta sul dizionario online, e solo nell’ultimo anno sono raddoppiate.   

La “plastic footprint”

A evidenziare la crescente attenzione verso le problematiche ambientali un’altra terminologia aggiunta di recente all’interno del Cambridge Dictionary è “plastic footprint”, che può essere letteralmente tradotta con “impronta della plastica”, vale a dire la misurazione della quantità di plastica che viene utilizzata e poi successivamente scartata, e che va ad aumentare i livelli di inquinamento. Dopo essere stata identificata dagli autori del dizionario, “plastic footprint” ha ottenuto 1.048 voti nel sondaggio del blog New Words per l’introduzione delle nuove parole, con il 61% dei lettori che ha suggerito di aggiungerla al Cambridge Dictionary.  

Leggi anche:
I sacchetti di plastica dovevano salvare l’ambienteSmartphone, ecco come riciclare in casa il tuo vecchio amico
Io faccio UpCycling! (che fa bene!)
Reborn Ideas, la rinascita sostenibile

Miriam Cesta

Miriam Cesta

Giornalista professionista, collabora con diverse testate dedicate al mondo della salute, della medicina e del benessere.

Potrebbe interessarti anche

Miriam Cesta

Miriam Cesta

Giornalista professionista, collabora con diverse testate dedicate al mondo della salute, della medicina e del benessere.