Australian Open, la tennista sta male per l’inquinamento dell’aria

Gli incendi in Australia hanno reso l’aria di gran lunga la peggiore al mondo

A Melbourne l’aria è talmente inquinata che la giovane tennista slovena Dalila Jakupovic ha avuto una crisi respiratoria durante la partita contro la svizzera Stefanie Vögele. È solo il primo giorno delle qualificazioni per gli Australian Open – che inizieranno il 20 gennaio – ma a quanto mostrano le immagini e i video in rete, non sembra ci siano le condizioni per giocare.

Nonostante un’altra partita sia stata cancellata, Tennis Australia non ha annullato del tutto le competizioni anche se i dati pubblicati dall’Autorità per la protezione dell’ambiente (EPA) hanno qualificato i livelli di inquinamento atmosferico come ufficialmente pericolosi, a Melbourne, da Melton a ovest a Dandenong, a sud-est e Macleod a nord.

Il problema è che dopo l’ondata di incendi che ha colpito il continente australiano, nei grandi centri abitati l’aria è la più inquinata di sempre e obbliga i cittadini a non uscire di casa o almeno a utilizzare mascherine usa e getta. Il disastro ambientaledovuto ai cambiamenti climatici, si riversa adesso tutto nell’aria che i medici hanno più volte segnalato essere altamente rischiosa per la salute delle persone. Addirittura sarebbe più inquinata dell’aria di Pechino.

Leggi anche:
Australia: la colpa non è degli incendi dolosi
L’Australia non sarà più la stessa

Photo by Sam Wermut on Unsplash

Caterina Conserva

Caterina Conserva

Giornalista con la passione per l'ecologia, i libri e le lunghe camminate in giro per il mondo

Potrebbe interessarti anche

Caterina Conserva

Caterina Conserva

Giornalista con la passione per l'ecologia, i libri e le lunghe camminate in giro per il mondo

Consigli per gli acquisti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy