Brexit, navi militari inglesi e francesi a Jersey. Ecco cosa succede

La mossa dopo la minaccia di Parigi di togliere l’energia elettrica all’isola

Navi da guerra inglesi a pattugliare l’isola britannica di Jersey. Ieri sera Londra ha inviato “per precauzione” due navi della Marina militare verso l’isola britannica che dista solo 20 km dalla Francia (e 161 dalla Gran Bretagna) come clamorosa mossa in risposta a una controversia sempre più seria, e alla quale questa mattina Parigi ha risposto inviando a sua volta due navi da guerra. Nei giorni scorsi la Francia aveva minacciato di tagliare la corrente all’isola, che si alimenta da cavi sottomarini francesi, data la vicinanza. La questione? Ancora una volta, lo sfruttamento della pesca: nodo irrisolto del post Brexit.

La vicenda

Tutto è nato quando, la scorsa settimana, l’isola ha iniziato a rilasciare licenze alle barche francesi con un nuovo sistema. Nella sostanza questo ha impedito ai pescatori francesi di agire nelle acque al largo di Jersey. La ministra francese, Annick Girardin, aveva parlato, come ritorsione verso Londra, di una possibile interruzione del trasporto di elettricità verso l’isola britannica. Nel pomeriggio di ieri i toni si sono ammorbiditi, e il primo ministro Johnson ha parlato di una “necessaria de-escalation”. Ma poi, il passo successivo è stato l’invio di navi da guerra da parte del Regno Unito, che ha definito i provvedimenti della Francia “assolutamente inaccettabili”.

“Regole non comunicate”

I pescatori rivendicano i loro diritti protestando al porto di St Helier di Jersey: si vedono ingiustamente limitati a causa delle difficoltà nell’ottenere le nuove licenze per operare nelle acque britanniche. In base a un accordo con l’UE, dovrebbero dimostrare lo storico delle loro attività nell’area, per ricevere una licenza. Ma, secondo loro, queste regole sono state aggiunte a posteriori, senza preavviso, e senza l’ok dall’Ue. Sono richieste, ha ribadito il governo francese, che “non sono state organizzate o discusse e di cui non siamo stati informati”.

Perché la Brexit ha riacceso il fuoco a Belfast e Derry?

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Consigli per gli acquisti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy