Buone notizie per i tori: sospese le corride e la corsa dei tori di Pamplona

Buone notizie per i tori: sospese le corride e l'”encierro” di Pamplona

Basta fare intrattenimento sulla pelle degli animali

Nell’emergenza globale causata dalla diffusione del Coronavirus, almeno per gli animali ci sono buone notizie.

In Spagna tutte le corride in programma per i prossimi mesi sono state cancellate. Anche i festeggiamenti di San Firmino, a Pamplona, sono stati annullati. Per chi non lo sapesse, la festa di San Firmino si svolge ogni anno tra il 6 e il 14 luglio nella capitale della regione spagnola di Navarra e una delle attività più famose e importanti che si snoda lungo le strade della città è l’“Encierro”, che consiste in una corsa di tori di circa 800 metri, seguiti da un gruppo di giovani che si assicurano che i tori non invertano la rotta. La discutibile e pericolosa cerimionia si conclude con l’altrettanto discutibile corrida.

Quest’anno, però, centinaia di tori sono temporaneamente salvi. Si tratta di un evento raro, in quanto l’interruzione della festa non si verificava dalla guerra civile spagnola (1936-1939).

Esultano le associazioni animaliste e Anima Naturalis España, un’organizzazione che si batte per la protezione degli animali, chiede anche l’immediata sospensione di queste pratiche disumane e che l’industria della corrida non riceva aiuti di stato che compensino le cancellazioni subite, lanciando una petizione sui propri canali online:

Ogni anno, quasi 10.000 tori muoiono dopo essere stati torturati nelle arene e altre migliaia, insieme a mucche e giovenche, vengono maltrattati nelle città spagnole. Ma ora, in pieno allarme, tutti i festeggiamenti previsti per marzo, aprile e maggio sono stati cancellati. Valencia, Castellón, Madrid, Siviglia, Murcia … Più di 200 corride annullate e 1.684 celebrazioni popolari sospese. Ma il settore della corrida, consapevole che il coronavirus sarà un duro colpo, ha iniziato a reagire per chiedere al governo il salvataggio economico della corrida. Non lo permetteremo!

Per le associazioni animaliste, questa è un’occasione unica per mettere fine a tutti gli spettacoli di tauromachia; il settore, infatti, privato degli incentivi che ogni anno riceve, smetterebbe di esistere e ciò consentirebbe di dire finalmente addio alla spettacolarizzazione costruita sul corpo di animali innocenti.

Leggi anche:
Covid19, la Cina vieta il commercio di animali selvatici e fa la storia
Los Angeles vieta gli animali selvatici ai party dei vip
Sondaggio WWF: il 90% degli asiatici vuole chiudere i mercati di animali selvatici
Circo, nessuna Regione può salvare gli animali

Maria Grazia Cantalupo

Maria Grazia Cantalupo

Social Media Manager di People For Planet

Potrebbe interessarti anche

Maria Grazia Cantalupo

Maria Grazia Cantalupo

Social Media Manager di People For Planet

Consigli per gli acquisti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy