elezioni trump biden usa

Bye Bye Donald!

Trump non sarà presidente Usa per altri 4 anni. Una buona notizia anche per l’ambiente e per la salute

Joe Biden ce l’ha fatta. C’è voluta una lunga attesa, dovuta allo strano sistema elettorale Usa. Biden ha avuto 4 milioni di voti in più di Trump ma in teoria avrebbe potuto perdere per il sistema del “Collegio elettorale”. 

Era già successo 4 anni fa a Hillary Clinton: 3 milioni di voti in più rispetto a Trump ma sconfitta come numero di delegati al voto per la nomina del Presidente.

E’ un bene per il clima

Trump ha fatto uscire gli Usa dall’Accordo di Parigi per il clima, l’accordo internazionale volto a ridurre l’inquinamento, in nome della priorità dell’economia sull’ambiente.

L’obiettivo centrale dell’accordo di Parigi è rafforzare la risposta globale alla minaccia del cambiamento climatico mantenendo un aumento della temperatura in questo secolo ben al di sotto di 2 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali e perseguire gli sforzi per limitare ulteriormente l’aumento della temperatura a 1,5 gradi Celsius

All’opposto di Trump, Biden ha promesso che, appena insediato, (sostituirà Trump alla Casa Bianca a gennaio) riporterà gli Usa nell’Accordo e organizzerà un summit con le imprese più inquinanti del paese per studiare strategie di riduzione dell’effetto serra.

E’ un bene per la salute.

Sono note le posizioni negazioniste di Trump che lo hanno portato perfino a ostacolare gli stati federali, le contee, le città che cercavano di adottare misure restrittive per contenere la diffusione del Covid-19, sbandierando sempre il  primato dell’economia anche sulla salute e minimizzando lo spaventoso numero di morti che si sono registrati finora nei soli Stat Uniti (oltre 235.000 ad oggi).

Ha fatto in tutti i modi la guerra all’Obama Care, la legge voluta da Barak Obama che amplia almeno in parte l’assistenza sanitaria pubblica (negli Usa se non hai i soldi per un’assicurazione privata efficace e costosa ti possono essere negate cure anche a volte salvavita).

Ha negato i fondi Usa all’Organizzazione Mondiale della Sanità, accusandola di essere troppo benevola nei confronti della Cina.

Da Biden ci si aspetta un radicale cambio di rotta anche in ambito sanitario (sperando che, al suo insediamento a gennaio, non sia più necessario contro il Coronavirus).

E’ un bene per l’eguaglianza sociale.

La politica di Trump contro le minoranze è stata da incubo: dal muro con il Messico alla separazione degli adulti immigrati clandestini dai loro bambini; dalla benevolenza verso gli eccessi della polizia contro i neri al sostegno dato ai movimenti più radicali dei suprematisti bianchi.

Ora tutto questo potrà cambiare.

Biden non avrà vita facile.

L’amministrazione Biden comunque non avrà vita facile, anche al di là del tentativo di delegittimazione nei suoi confronti che Trump sta portando avanti accusando il rivale di brogli elettorali senza nessuna prova.

Biden Non avrà la maggioranza nel Senato Usa e 6 dei 9 componenti della Corte Suprema (l’equivalente della nostra Corte Costituzionale) sono conservatori.

In ogni caso la sconfitta di Trump è una delle poche buone notizie di quest’anno difficile.

Bye Bye Donald!

Foto di Darren Halstead

Leggi anche:
La storia irrompe nelle presidenziali Usa
L’ultima castroneria di Trump: il climate change non esiste
Elezioni Usa: volete saperne di più su Trump, le fake news e l’America? Guardate queste due serie tv

Bruno Patierno

Bruno Patierno

Mi occupo di marketing e di comunicazione. L’impresa più folle e istruttiva è stata fare l’Assessore a Napoli. Attualmente il mio maggiore interesse professionale è coordinare assieme all’amico Jacopo Fo il Gruppo Atlantide e in mezzo a questo c’è anche fare il project designer di People For Planet. Ne sono molto orgoglioso.

Potrebbe interessarti anche

Bruno Patierno

Bruno Patierno

Mi occupo di marketing e di comunicazione. L’impresa più folle e istruttiva è stata fare l’Assessore a Napoli. Attualmente il mio maggiore interesse professionale è coordinare assieme all’amico Jacopo Fo il Gruppo Atlantide e in mezzo a questo c’è anche fare il project designer di People For Planet. Ne sono molto orgoglioso.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy