Case e grattacieli di legno: si può!

Sono leggeri e sicuri. E a Jesolo è iniziata la costruzione della Cross Lam Tower, di 47 metri e mezzo: è la più alta d’Europa

Sono leggeri e sicuri. E a Jesolo è iniziata la costruzione della Cross Lam Tower, di 47 metri e mezzo: è la più alta d’Europa.

La costruzione di palazzi in legno è veloce: si è calcolato infatti che i tempi di costruzione siano un quarto rispetto all’edilizia tradizionale, e la Cross Lam Tower prevede di alzare un piano ogni tre giorni. 105 tonnellate di abete saranno necessari per realizzare 28 appartamenti verticali, di cui quasi la metà sono già stati venduti.

La nuova frontiera della bioarchitettura è benedetta anche dall’Economist, che chiosa: “Il legno è più sicuro e sostenibile. Mattone e cemento sono il passato”.

Costruire meno e costruire meglio, questo sembra ormai essere un concetto appurato. Il legno è leggero e quindi richiede fondamenta meno profonde È un materiale naturale, offre ottime prestazioni in termini di durabilità, prestazioni energetiche e resistenza sismica.

Finora il legno era usato soprattutto in montagna – abbiamo tutti visto gli splendidi chalet dell’Alto Adige con tanto di gerani colorati sulle terrazze – ma ora sta invadendo le metropoli anche grazie al Decreto Monti del 2011, che ha abolito il limite d’altezza di 3 piani per gli edifici con la struttura in legno.

FederlegnoArredo ha rilevato una crescita costante del 7% annuo nell’utilizzo del legno da costruzione. Se negli anni Ottanta ne usufruivano solo 5 case su 100, oggi si arriva alla media di 14.

Nella mente di ognuno di noi si affacciano due quesiti critici rispetto a questa soluzione abitativa: il primo riguarda la rigenerazione della materia prima, il secondo riguarda la sicurezza, perché il legno brucia!

Per quanto riguarda la prima questione, i bioarchitetti affermano che il legno utilizzato per l’edilizia si rigenera in tempi velocissimi e inoltre si può sempre riciclare. E si possono usare fibre composte adatte ai nuovi progetti già riciclate.

Se poi pensiamo ai 15 milioni di metri cubi di alberi abbattuti sulle Dolomiti a fine ottobre che giacciono in gran parte ancora a terra e che devono essere rimossi entro primavera, possiamo pensare di trasformare un evento tragico in un’opportunità per diminuire la quota legno che ogni anno acquistiamo da Austria e Germania e che a oggi arriva all’80%.

Per quanto riguarda poi il pericolo di incendio va sfatato un luogo comune. Afferma Emanuele Orsini, presidente di FederlegnoArredo in un’intervista al Corriere della Sera: “Il legno carbonizza alla velocità di 1 centimetro l’ora. Consente, nel caso, un tempo di intervento di almeno 120 minuti. Cemento e acciaio, surriscaldandosi, collassano molto prima”.

E, concludendo, se non vi abbiamo ancora convinti, è notevole anche il risparmio: “Costruendo in legno” dichiara Corsini “si riducono i consumi energetici. Anche le banche hanno iniziato a dare mutui agevolati e pure le assicurazioni costano meno”.

Inoltre il legno è bellissimo.

Fonti:

https://www.corriere.it/cronache/19_gennaio_07/leggere-sicure-case-legno-diventano-grattacieli-jesolo-edilizia-futuro-a7df7152-12b7-11e9-8e32-62f2e5130e0b.shtml?fbclid=IwAR3mrIRMA1jf9bK8sXtJkTKHOLc3SsU0vJH7NcajNI78qbOAktUf8adO_Eo
https://www.infobuild.it/approfondimenti/edifici-alti-legno-grattacieli-domani/
https://www.ilpost.it/2016/09/10/grattacieli-legno/
https://www.ilsole24ore.com/art/mondo/2018-02-19/a-tokyo-progettato-grattacielo-legno-350-metri-altezza-080637.shtml?uuid=AE8NDR2D
http://www.federlegnoarredo.it/

Commenta con Facebook
Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.

commenta

Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.