ChatQuarantine, chiacchiere artistiche per gli isolati

Due giovani artisti mettono in collegamento casuale chi è chiuso in casa

Max Hawkins e Danielle Baskin, due giovani artisti, hanno inventato un modo creativo per collegare casualmente chi è costretto alla quarantena per il Coronavirus. Il servizio di chiamata, soprannominato QuarantineChat, ha iniziato a raccogliere sempre più utenti mano a mano che il mondo intero – mentre la Cina gradualmente ne esce – inizia ad autoisolarsi per prevenire la diffusione del virus. Come spiega Artnet, l’idea è che le persone possano registrarsi per ricevere chiamate casuali da altre persone in quarantena tramite un’app chiamata Dialup.

Nuove applicazioni

L’app è stata creata lo anno scorso, ma ha assunto una nuova veste e una nuova importanza dati gli sviluppi del Coronavirus. 

«Quando abbiamo sentito parlare di persone in tutto il mondo in quarantena, abbiamo pensato di poter ospitare anche chiamate specifiche per le persone colpite dal virus», ha spiegato Baskin.

Finora, la partecipazione è internazionale: i fusi orari più popolari sono l’ora solare del Pacifico e l’ora solare dell’Iran (il virus ha colpito di più per il momento la Corea del Sud, l’Iran e l’Italia) ed è dunque anche un bel modo per avere aggiornamenti freschi e scambiarsi impressioni ed emozioni direttamente con chi sta vivendo la stessa situazione in paesi diversi.

Magia, serendipità ed ironia

«Speriamo che il nostro progetto porti magia e serendipità in una nuova realtà in cui migliaia di persone restano bloccate da sole per molte settimane», ha continuato l’artista. «È utile per la salute mentale delle persone avere connessioni spontanee casuali, ed è anche divertente.»

La coppia ha dato un tocco ironico al progetto, come per esempio la musica dell’ascensore all’inizio delle chiamate. «Sebbene COVID-19 non sia una questione spensierata, vogliamo che questo progetto porti alle persone momenti di gioia», spiega Baskin.

L’arte e la cultura sono in prima linea per sostenere le persone in questo momento. Musei e gallerie in Cina  e in Italia hanno reso ad esempio accessibili le loro collezioni online. 

Leggi anche:
Coronavirus? E noi facciamo compagnia ai bimbi! – 6 –
Indice quotidiano del Web antivirus – 3 –

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista scientifica appassionata di ambiente

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista scientifica appassionata di ambiente

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy