51mila senzatetto in Italia, chi li aiuta a superare l’inverno? Disegno di Armando Tondo, novembre 2019

Chi aiuta i senzatetto a superare l’inverno

Con l’arrivo della stagione fredda le associazioni intensificano il loro lavoro per aiutare i clochard

L’ultimo dato Istat aggiornato al 2015 parla di 51mila senzatetto in Italia di cui 12mila a Milano e 8mila a Roma.

Nel dato ci si riferisce a persone senza fissa dimora e se si includono anche coloro che vivono in immobili abbandonati, accampamenti informali, roulotte, bivacchi in strada ecc. la cifra aumenta considerevolmente, solo a Roma si parla di circa 15mila persone.

Nell’ultimo anno i centri Caritas hanno distribuito 385mila pasti offrendo 210mila pernottamenti, 13mila prestazioni sanitarie e 2mila visite domiciliari a chi un tetto ce l’ha ma vive in uno stato di estrema povertà.

Un altro gruppo di volontari molto ben organizzato è quello della Croce Rossa Italiana che da oltre 150 anni è impegnata a mettere in opera programmi e attività a favore dei più vulnerabili. Una rete organizzata di volontari ogni sera va nei luoghi frequentati dai senzatetto per portare assistenza sanitaria, pasti caldi e dialogo.

Solo a Napoli sono quasi 15.000 i pasti distribuiti nel 2018 in circa 150 uscite. «Ma il cibo è solo un modo per approcciare le persone con cui abbiamo meno confidenza», racconta uno dei volontari. «Cerchiamo di assicurare cure mediche, vestiti, coperte per l’inverno ma, soprattutto, una parola di conforto per far sentire loro che non sono soli».

Alcune iniziative per chi vuole aiutare

Un sacco di vita
È un’organizzazione non profit che ogni anno distribuisce ai senzatetto di tutta Italia coperte e sacchi a pelo per ripararsi dal freddo invernale. A metà ottobre di quest’anno hanno iniziato la distribuzione a Milano. Oltre alle coperte offrono anche bevande calde e merendine.

La zuppa della bontà
Promossa dalla Fondazione Progetto Arca che si occupa dal 1994 di persone in stato di indigenza, la Zuppa della bontà è un’iniziativa che si è svolta sabato 26 e domenica 27 ottobre nelle piazze di 21 città italiane.

Con un contributo di 5 euro si poteva scegliere tra tre diversi tipi di zuppa biologica che poi saranno cucinate e offerte alle persone senza fissa dimora assistite nelle strutture della fondazione. 
La fondazione Progetto Arca distribuisce oltre 2 milioni di pasti all’anno oltre a offrire assistenza medica, supporto legale e assistenza sociale.
D’inverno pasti caldi, d’estate bottigliette d’acqua contro la disidratazione.

MIA Milano in Azione Onlus
È un’associazione di volontariato nata nel 2012 per dare assistenza alle persone gravemente emarginate e povere di Milano, con particolare attenzione a chi è anche senza dimora.
Con l’Unità di strada raggiungono i clochard nei luoghi dove si apprestano a passare la notte per consegnare generi di prima necessità o “salvavita”. Distribuiscono panini, biscotti e tè e per l’inverno stanno organizzando la cena della domenica sera, quando molte mense milanesi sono chiuse così da offrire un pasto caldo.
«Oggi abbiamo a disposizione un laboratorio di cucina professionale a norma, dove i nostri volontari possono alternarsi ai fornelli con persone ex-senza dimora coinvolte in percorsi di reinserimento lavorativo: questo ci consentirà anche di offrire a chi è in difficoltà un’opportunità lavorativa» scrivono nel loro sito.
Ogni settimana il solo servizio di Unità di strada permette di avvicinare una media di 120 persone.

Fratelli della stazione
Operano a Foggia da vent’anni e ogni sera a turno vanno nel piazzale antistante la stazione ferroviaria e sui binari a portare cibi caldi ai chi pernotta lì.
Il 12 settembre sono stati multati dalla Polizia ferroviaria con 16.67 euro a testa per essere entrati nella zona binari senza biglietto ferroviario.
Ogni tanto la burocrazia rasenta livelli inimmaginabili di imbecillità.

Non solo cibo
La Fondazione Caritro di Trento dal 2006 ha in attivo il progetto: Avvocati per la solidarietà che offre assistenza legale gratuita ai bisognosi. Ne fanno parte cinquanta avvocati e settanta studenti di Giurisprudenza che offrono tempo e competenza.

Queste sono solo alcune delle associazioni che si occupano di aiutare le persone in difficoltà in Italia, se ne conoscete altre o ne fate parte segnalatele scrivendo a redazione@peopleforplanet.it

Leggi anche:
La vita sotto il turbante: dalle detenute alle pazienti, la solidarietà è di moda
L’Italia è il primo beneficiario del Fondo di Solidarietà UE
La solidarietà che fa bene (anche) al portafoglio
Da Torino una storia di solidarietà e gentilezza
La maglia solidale per fare rete

Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.

Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.