Ursula von der Leyen

Chi è Ursula von der Leyen e cosa può succedere con il voto di oggi a Strasburgo

Le previsione sulla probabile prima donna a capo della Commissione Ue

Fonte:
La Repubblica

Commissione Ue, il giorno del voto per Ursula von der Leyen. La ministra tedesca della Difesa, Ursula von der Leyen, candidata designata dai Ventotto alla presidenza della Commissione europea, si sottoporrà al voto del Parlamento di Strasburgo. (Video in diretta: REPUBBLICA.IT)

Dalla stampa nazionale:

VON DER LEYEN, COME FUNZIONA IL VOTO DI OGGI E COSA PUÒ SUCCEDERE DOPO. (…) È il giorno del giudizio per Ursula von der Leyen . La ministra tedesca della Difesa, indicata dal Consiglio europeo come presidente della Commissione, dovrà passare dal voto del Parlamento nella seduta del 16 luglio. L’Eurocamera, riunita in plenaria a Strasburgo, esprimerà il suo verdetto tra le 18 e le 20, dopo il discorso tenuto da von der Leyen nella stessa mattinata di martedì. In caso di via libera dell’assemblea, la donna politica tedesca potrà passare agli step successivi per la scelta dei commissari e la formazione dell’esecutivo comunitario. In caso contrario, come ironizzano alcuni a Strasburgo, «saltano le ferie»: il Consiglio europeo, l’istituzione che riunisce i capi di Stato e Governo della Ue, dovrà rimettersi al lavoro per selezionare una nuova figura in tempi stretti. In quel caso l’Europarlamento dovrebbe tornare al voto a settembre, dopo la pausa estiva in calendario ad agosto.

Come funziona l’elezione in Parlamento e cosa può succedere? Dopo la scelta del Consiglio, avvenuta con voto a maggioranza qualificata, il presidente passa al vaglio degli eurodeputati. Il via libera scatta in caso di maggioranza, cioè la metà più uno dei parlamentari. In teoria il margine richiesto sarebbe di 376 eurodeputati su 751. Von der Leyen avrà bisogno “solo” di 374 voti su un totale di 747 parlamentari, visto che mancano all’appello tre eurodeputati catalani esclusi dal Parlamento e il danese Jeppe Kofod, nominato ministro a Copenaghen e in attesa di essere sostituito). Il voto è a scrutinio segreto. In caso di esito favorevole, von der Leyen porterà avanti la procedura per l’insediamento della Commissione entro i termini stabiliti. In particolare, il neo-presidente sceglie insieme al Consiglio «l’elenco delle altre personalità che propone di nominare membri della Commissione», a propria volta sottoposte a un processo di selezione di fronte all’Eurocamera. E in caso di esito negativo? Se von der Leyen resta al di sotto della soglia necessaria, il Consiglio è obbligato a individuare entro un mese un nuovo candidato, sottoponendolo alla stessa procedura con l’Eurocamera. Continua a leggere (Fonte: ILSOLE24ORE.COM)

  • Ue, Von der Leyen: “Se Europa fosse donna sarebbe Simone Veil. Io nemica di chi vuole indebolire l’Unione” Riferendosi agli investimenti per un’economia senza emissioni di co2, Von der Leyen aggiunge che “dobbiamo avere un’economia forte perchè se vogliamo spendere prima occorre guadagnare“.

Ampio il suo discorso, che spazia su più punti: “Intendo realizzare una perfetta parità di genere nella prossima Commissione. Se i governi non presenteranno un numero sufficiente di candidati donne non esiterò a chiedere altri nomi”. E sulla Brexit dice di essere disposta a una “possibile proroga del deadline previsto”. Ma afferma che per lei “una cosa solamente è importante: l’Europa va rafforzata e chi la vuole fare fiorire mi avrà dalla sua parte, ma chi vuole indebolire questa Europa troverà in me una dura nemica”.

Intervenendo a Strasburgo Von der Leyen dice anche che presenterà “un accordo verde per l’Europa nei primi cento giorni del mio mandato”. “Una delle sfide pressanti” per l’Ue “è mantenere il pianeta sano. È la più grande responsabilità e opportunità del nostro tempo”, ha sottolineato von der Leyen. Continua a leggere (Fonte: REPUBBLICA.IT)

  • Chi è Ursula von der Leyen, tra molta politica e tanta famiglia. Madre di sette figli e attuale ministro della difesa della Germania, è al governo con Merkel sin dall’inizio della sua “era”.

Ursula Gertrud von der Leyen, è il nome completo della candidata designata dal Consiglio alla presidenza della Commissione Ue, che se approvata dal Parlamento europeo, diventerà la prima donna ad assumere la massima carica dell’Unione europea. Ministro della difesa in Germania, membro dell’Unione Cristiano Democratica tedesca (CDU) e appartenente al Partito popolare europeo, von der Leyen è molto vicina alla cancelliera Angela Merkel.

Ursula Albrecht, questo il suo nome alla nascita, prima che prendesse quello del marito, nasce nel 1958 a Ixelles, comune della città di Bruxelles, dove suo padre Ernst Albrecht è stato uno dei primi funzionari europei dal 1958. Prima di trasferirsi ad Hannover in Germania, quando suo padre ha iniziato a ricoprire il ruolo di Primo ministro della Bassa Sassonia, von der Leyen ha trascorso gran parte della sua infanzia in Belgio (…)

Iscritta alla CDU fin dal 1990, la sua carriera politica inizia nel 2001, quando ottiene un mandato locale presso la regione di Hannover, che abbandonerà tre anni dopo, perché il 4 marzo 2003, a seguito della vittoria di Christian Wulff e la sua seguente nomina a Presidente della regione,  von der Leyen diventa ministro degli Affari Sociali, delle Donne, della Famiglia e della Salute della Bassa Sassonia.

Due anni più tardi, nel novembre del 2005, entra a far parte del governo federale tedesco, scelta dalla Cancelliera Angela Merkel per diventare ministro della Famiglia, Anziani, Donne e Gioventù della Germania, ruolo che ricoprirà fino al 2009. (…) Leyen (2009) viene nominata Ministro del lavoro e degli affari sociali della Germania e poi nel 2013 ministro della Difesa tedesca diventando così la prima donna a occupare tale incarico, che ricopre ancora oggi.

Ha sempre avuto problemi con i suoi compagni di partito più conservatori, a causa delle sue posizioni avanzate ad esempio in sostegno delle coppie gay. Dopo l’esplosione della crisi greca invece fece spaventare quelli più a sinistra, mostrando posizioni estremamente dure contro il Pese mediterraneo, ben oltre, si racconta, di quelle dei falchi più aggressivi. Continua a leggere (Fonte: eunews.it)

Claudia Faverio

Claudia Faverio

Appassionata di ambiente e dei diritti umani da sempre. Fa parte della redazione dove segue l'attualità quotidiana e il meglio del web. Si occupa anche dei rapporti con siti, blog, enti e imprese per la comunicazione di e su People For Planet.

Claudia Faverio

Claudia Faverio

Appassionata di ambiente e dei diritti umani da sempre. Fa parte della redazione dove segue l'attualità quotidiana e il meglio del web. Si occupa anche dei rapporti con siti, blog, enti e imprese per la comunicazione di e su People For Planet.