Ci manca Vittorio Gassman

Ricordiamo il Mattatore a vent’anni dalla scomparsa

Sono già passati vent’anni da quando non c’è più Vittorio Gassman e ci manca tantissimo la sua straordinarietà come attore, il suo umorismo e la sua profondità intellettuale.

Se dovessimo citare i suoi film più famosi non sapremmo da dove cominciare, è stato citato spesso nei suoi articoli da Paride Leporace; Gassman ha lavorato con tutti i maggiori registi italiani, uno per tutti con Ettore Scola, indimenticabile ne La Famiglia, o ne La Terrazza.

 Sfrontato ne Il sorpasso di Dino Risi, intenso in Profumo di donna, esilarante in Brancaleone alle Crociate di Mario Monicelli, Gassman era anche – e forse soprattutto – un attore teatrale magnifico.

In particolare ricordiamo una rappresentazione di Otello, dove si alternava nella parte del Moro o di Jago alternativamente con Salvo Randone, altro genio del palcoscenico. E poi Riccardo III, Macbeth, Edipo Re, e anche in questo caso a citare tutti i personaggi portati in scena nella sua lunga carriera non si finirebbe più.

Però, per finire, permetteteci di essere un po’ dissacranti – lui ne sarebbe stato contento – ricordandovi la sua lettura impostata da attore trombone dell’etichetta di un capo delicato. Se fate una ricerca su You Tube troverete anche la lettura degli ingredienti dei frollini o di alcuni menu.
Ricordarlo con una risata forse è il modo migliore.

Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.

Potrebbe interessarti anche

Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy