Clima, aderisci alla petizione di Clessidre Climatiche

Le Clessidre Climatiche rilanciano la richiesta all’UE di dichiarare lo stato di emergenza climatica per orientare concretamente la politica ambientale degli Stati Membri.

Tic tac, il tempo scorre e l’Unione Europea non ha ancora tracciato una strada comune per far fronte ai cambiamenti climatici e alle conseguenze disastrose che hanno innescato.

L’idea di dichiarare formalmente l’allarme clima, partita ad aprile dall’ambientalista ed eurodeputato nella precedente legislatura (2014-2019) Dario Tamburrano, è stata rilanciata in questi giorni dalle Clessidre Climatiche, un gruppo di attivisti per l’ambiente e la giustizia sociale, attraverso una petizione online indirizzata al Parlamento Europeo. In particolare, si richiede di stipulare un Patto europeo per l’emergenza climatica vincolante per gli Stati Membri che implichi l’adozione entro il 2050 di misure in grado di disincentivare il consumo di combustibili fossili in favore dell’acquisto di prodotti a basse emissioni e di fonti di energia rinnovabile. Ma anche di abolire i vincoli di bilancio al 3% per favorire investimenti pubblici che abbiano il fine di ridurre le emissioni di CO2. Infine, di introdurre una Carbon tax.

Clicca qui per firmare la petizione

Leggi anche:
Il cambiamento climatico si combatte anche a tavola
Groenlandia: chi nega il “climate change” dovrebbe vedere queste foto
Desertificazione e cambiamenti climatici

Caterina Conserva

Caterina Conserva

Giornalista con la passione per l'ecologia, i libri e le lunghe camminate in giro per il mondo

Caterina Conserva

Caterina Conserva

Giornalista con la passione per l'ecologia, i libri e le lunghe camminate in giro per il mondo