Pepsi & Coca Cola si lanciano nei distributori di acqua potabile

Coca-Cola e Pepsi si buttano sull’acqua

I big delle bibite gassate sperimentano un altro mercato più green

Non quella in bottiglia – dove esistono già – ma quella delle nostre borracce, sperimentando distributori con acqua liscia, aromatizzata o gassata.

Guardandovi in giro negli ultimi tempi – a scuola, all’università o sul posto di lavoro, soprattutto nelle città medio-grandi – avrete notato sempre più persone portarsi dietro una borraccia da riempire con l’acqua di rubinetto, preferendola alle classiche bottiglie di plastica usa e getta. È un’abitudine sempre più diffusa, dovuta soprattutto alla maggiore consapevolezza dell’enorme impatto che la plastica ha sul nostro ecosistema, e delle difficoltà di riciclare efficacemente tutte quelle bottiglie.

Anche per questo motivo Coca-Cola e Pepsi, le società produttrici delle due bevande gassate al gusto di cola più famose al mondo, hanno deciso di entrare in questo settore, introducendo alcuni distributori di acqua potabile che chi vuole può utilizzare per riempire le proprie borracce. La decisione si deve al comportamento dei consumatori. La crisi delle bibite gassate – con la crescente consapevolezza delle loro conseguenze sulla salute dei consumatori – aveva già spinto Coca-Cola e Pepsi a vendere anche acqua in bottiglia, con buoni risultati: lo scorso anno, scrive il Wall Street Journalle vendite di acqua in bottiglia da parte di Coca-Cola sono cresciute del 2 per cento, mentre quelle di Pepsi del 4,6 per cento (il marchio di acqua in bottiglia di Coca-Cola si chiama Dasani, mentre Pepsi possiede Aquafina).

Continua a leggere su ILPOST.IT

Immagine Pexels

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!