Come essere più felici: 12 esercizi per allenarsi alla felicità

Non è uno “stato” ma una scelta, uno stile di vita

Le persone più felici non sono necessariamente coloro che hanno il meglio di tutto, ma coloro che traggono il meglio da ciò che hanno”, scriveva il poeta libanese Khalil Gibran. In fondo essere felici, nella maggior parte dei casi, di fatto è una scelta, uno stile di vita. Ma cosa significa essere felici? Lo abbiamo chiesto alla psicoterapeuta e analista bioenergetica Ilaria Vergine, che ci ha dato qualche dritta su come allenarsi ad essere persone più felici. “Felicità è una delle parole più usate ma anche più difficili da definire e comprendere davvero. Non per tutti questo concetto corrisponde a uno stesso significato – chiarisce l’esperta – Non esiste una ricetta uguale per tutti, ma sicuramente esistono spunti da cui partire per iniziare a sentirsi meglio con se stessi e con gli altri. Ci si può allenare alla felicità, davvero, e ogni giorno dobbiamo farlo”.

1) Mettersi comodi all’interno delle situazioni
“Se abbiamo a disposizione una sedia, possiamo scegliere come sederci. Alcuni potrebbero appoggiare bene la schiena e mettersi comodi, altri invece assumere posture storte o precarie. Il modo in cui ci posizioniamo evidenzia quanto siamo a nostro agio in una situazione e anche quanto spazio ci diamo il permesso di occupare”, spiega la psicoterapeuta. “Non abbiamo sempre la possibilità di ‘cambiare’ sedia su cui sederci, per rimanere nella metafora, ma quello che conta è ascoltarsi ed essere onesti con se stessi, scegliendo di fare dei movimenti che ci permettano di metterci comodi, assumendoci il diritto e la responsabilità di farlo”.

Esempio. “Rimanere all’interno di una relazione anche se non ci si sente apprezzati dall’altro per la paura di rimanere soli, accettando dunque una storia che non ci fa sentire pienamente soddisfatt,i è un esempio di situazione che non ci rende felici. Mettersi comodi significa affrontare la situazione per modificarla, trovando il coraggio di confrontarsi con il partner e mettendosi in discussione rispetto ai propri desideri e bisogni”.

2) Assecondare il proprio “bambino interiore”“Alexander Lowen, il padre dell’Analisi Bioenergetica, psicoterapia a mediazione corporea, affermava che ‘Nel profondo di ciascuno di noi c’è un bambino che era innocente e libero e sapeva che il dono della vita era il dono della felicità’. Il lavoro che facciamo da adulti è quello di curare e consolare questo bambino che è stato ferito, che porta con sé dei sensi di colpa insensati per coltivare il nostro amor proprio. Il bambino interiore è la nostra forza e carica vitale. Una volta cresciuti, abbiamo la possibilità di diventare i ‘nuovi genitori’ di noi stessi, di essere meno rigidi e più accoglienti verso le richieste che arrivano da dentro e che spesso tendiamo a non assecondare, quelle che rappresentano la parte più autentica di noi”.

Esempio. “Ho voglia di accendere la musica e ballare nella stanza ma non lo faccio perché perderei tempo, o perché sono troppo grande per farlo. Assecondare quella richiesta e quell’istinto ci farà solo bene. Come farebbero un padre o una madre saggi e affettuosi, è possibile concedere al vostro bambino interiore di giocare, oppure è possibile tranquillizzarlo e rassicurarlo sul suo valore nel caso in cui riaffiorassero delle ferite antiche”.

3) Scrivere e focalizzare i propri desideri
“La possibilità di prendersi uno spazio per scrivere dove si vuole andare o cosa si desidera è importante. È un momento di focalizzazione che ci permette di fare un punto della situazione e di capire se stiamo percorrendo la strada giusta per raggiungere quello che vogliamo. È importante anche riconoscere i pensieri tossici da eliminare”.

Esempio. “Su un quaderno possiamo elencare quello che vorremmo fare, come “il cammino dei fari in Galizia” o “un corso di subacquea”. E fare altrettanto con i pensieri negativi e ricorrenti, come “non vado bene come sono”, o “questa persona ce l’ha con me”. In questo modo sapremo su cosa concentrarci e cosa eliminare”.

Continua a leggere su Repubblica

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!