Corea del Sud: la protesta degli studenti contro lo sversamento in mare dell’acqua trattata di Fukushima

Corea del Sud: la protesta degli studenti contro lo sversamento in mare dell’acqua trattata di Fukushima

Alcuni studenti si sono rasati a zero per opporsi a questa decisione

Lo scoso martedì, più di 30 studenti universitari sudcoreani si sono rasati la testa davanti all’ambasciata giapponese a Seoul per protestare contro la decisione del Giappone di rilasciare in mare l’acqua radioattiva della centrale nucleare di Fukushima.

La polizia ha disperso la folla, che ha cantato ed esposto cartelli di protesta, ma non ha impedito lo svolgimento dell’evento, sebbene vi sia un divieto anti-pandemico di raduni superiori a 10 persone.

I manifestanti che sono stati rasati sono stati avvolti in cartelli decorati con messaggi che condannano il piano giapponese, chiedendo che venga abbandonato.

La scorsa settimana, infatti,il governo giapponese ha dichiarato che rilascerà più di 1 milione di tonnellate di acqua radioattiva dal sito di Fukushima nei prossimi due anni.

Seoul ha fortemente condannato la decisione, con il ministero degli Esteri che ha convocato l’ambasciatore giapponese e il presidente Moon Jae-in consigliando ai funzionari di estendere la petizione a un tribunale internazionale.

Tuttavia, l’inviato statunitense per il clima John Kerry ha affermato di ritenere che il Giappone avesse preso la decisione in modo trasparente e avrebbe continuato a seguire le dovute procedure.

Fonte: Reuters

Leggi anche:
Fukushima: un milione di tonnellate di acqua radioattiva finirà nell’oceano

Versare l’acqua radioattiva di Fukushima nel Pacifico: l’inchiesta del 2018

Maria Grazia Cantalupo

Maria Grazia Cantalupo

Social Media Manager di People For Planet

Potrebbe interessarti anche

Maria Grazia Cantalupo

Maria Grazia Cantalupo

Social Media Manager di People For Planet

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy