Coronavirus: ci sono imprenditori generosi e imprenditori ingordi

Le crisi rivelano il vero volto delle persone

Cucinelli ha pagato il 100% dello stipendio ai suoi dipendenti anche in periodo di lockdown.

Rana ha dato un aumento ai lavoratori a casa, la Ferrero e Valli hanno realizzato azioni simili.

Insomma in Italia esistono imprenditori che hanno un’idea corretta dell’importanza di chi lavora con loro e che premiano la qualità del lavoro, investono sul senso di appartenenza considerandolo architrave di un’impresa sana, capace di intercettare idee e contributi innovativi.

Poi ci sono imprenditori che sinceramente ci lasciano a bocca aperta. Ad esempio Giovanni Brasso, personaggio in passato giunto agli onori della cronaca per una serie di inchieste nelle quali è incappato.

Oggi parliamo di lui perché da un giorno all’altro la Sestrieres spa che, come raccontano i media, ha chiuso l’ultimo bilancio con 9,2 milioni di euro di utili, ha licenziato 200 dipendenti.

La Sestrieres spa gestisce gli impianti della Via Lattea, il più grande impianto sciistico italiano. Il licenziamento avviene appena parte il blocco in Italia causa coronavirus. Grazie alla “tempestività” della Sestrieres spa la fine del rapporto di lavoro lascia i lavoratori nell’impossibilità di ottenere la cassa integrazione prevista per tutti i lavoratori di lì a 3 giorni dal dpcm “Cura Italia”. Scatta la protesta dei sindacati: la Sestrieres non avrebbe un gran danno se chiedesse la cassa integrazione e tecnicamente potrebbe farlo. Ma la direzione è irremovibile e alle successive proteste i sindacati sostengono abbia risposto che terrà conto di eventuali contestazioni l’anno prossimo… Frase che si presta a essere  interpretata come un’allusione a possibili discriminazioni per i lavoratori stagionali che dovessero proseguire nella protesta.

La trasmissione Report ci informa che la Sestrieres spa gestisce 47 impianti: “31 sono di sua proprietà, gli altri 16 sono dei comuni e sono stati finanziati con soldi pubblici per le Olimpiadi di Torino 2006”. Per questi impianti l’azienda paga un canone d’affitto ridicolo.

Insomma, quando c’è da prendere si prende, quando c’è da dare ci si dà…

Complimenti, Giovanni Brasso.

Foto di Adam Derewecki

Jacopo Fo

Jacopo Fo

Scrittore, teatrante, regista, disegnatore, è Direttore creativo di People For Planet.

Potrebbe interessarti anche

Jacopo Fo

Jacopo Fo

Scrittore, teatrante, regista, disegnatore, è Direttore creativo di People For Planet.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy