Italia - Drone Coronavirus

Coronavirus meno contagi, ma arrivano nuove strette, droni e scioperi

Rassegna Stampa martedì 24 marzo 2020

Coronavirus, Borrelli: per ogni contagiato ufficiale dieci non censiti. Il capo della Protezione civile: ci sono circa 600mila contagiati e non 63mila. “Le misure di due settimane fa iniziano a sentirsi”.Verosimilmente in Italia ad oggi ci sono circa 600mila contagiati dal nuovo coronavirus. Lo afferma il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, malgrado i numeri ufficiali parlino di 63mila. Borrelli ammette: “Il rapporto di un malato certificato ogni dieci non censiti è credibile”. E,  sui contagi in rallentamento per due giorni consecutivi, aggiunge: “Le misure di due settimane fa iniziano a sentirsi”. “Nelle prossime ore dovremmo vedere altri effetti, capiremo se davvero la curva della crescita si sta appiattendo”, dice il capo della Protezione civile, in una intervista a Repubblica.  Tra una settimana l’Italia, secondo le proiezioni matematiche supererà la Cina per numero di contagi.  Continua a leggere su tgcom24

Leggi anche:
Covid-19, dimesso il paziente 1. Il suo appello: «Restate a casa. Io sono stato fortunato»
Guarita a 95 anni dal Coronavirus: la chiameremo signora Speranza

Coronavirus, via libera all’uso dei droni per monitorare gli spostamenti dei cittadini. Lo ha deciso l’Enac, l’ente di controllo del volo, che in un’ordinanza indica sia i dispositivi che possono essere utilizzati sia le modalità “per il contenimento dell’emergenza epidemiologica”. Fino al 3 aprile, dunque, la polizia locale potrà condurre i controlli “con sistemi aeromobili a pilotaggio remoto con mezzi aerei di massa operativa al decollo inferiore a 25 kg”. (…) Nella nota dell’Enac si sottolinea che si potranno effettuare i controlli “anche su aree urbane dove vi è scarsa popolazione esposta al rischio di impatto” e dove “non sarà altresì necessario il rilascio di autorizzazione da parte di questo Ente e non sarà richiesto la rispondenza delle operazioni agli scenari standard Continua a leggere su Il Fatto Quotidiano

Da Leggo.it: Coronavirus, autocertificazione spostamenti: il nuovo modulo SCARICA IL PDF

Coronavirus, nuova stretta contro i furbetti: allo studio multe più salate e confisca auto. Una nuova stretta anti-furbetti, con multe salatissime per punire quelli che non rispettano le norme che costringono gli italiani a casa, ma anche confisca dei mezzi se vengono violate le misure varate dal governo nelle ultime settimane per fronteggiare il Covid-19. Questa una delle ipotesi alle quali lavora il governo e che vede impegnati, in prima linea, Viminale e ministero della Giustizia. Continua a leggere su Il Messaggero

Leggi anche:
La bruttissima figura dello sport di fronte al coronavirus
Covid-19: le 10 regole per sopravvivere psicologicamente alla quarantena

Coronavirus, ultime notizie: in Italia 50.418 casi positivi e 6.077 vittime (+601), rallentano i contagi. Gallera: «In Lombardia luce in fondo al tunnel» Sono 50.418 i pazienti contagiati da coronavirus in Italia, 4.789 in più rispetto a ieri. I decessi salgono di 601 unità a quota 6.077 mentre i pazienti guariti sono 7.432 (+408). Sono 50.418 i pazienti contagiati da coronavirus in Italia. Lo ha detto il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, nella conferenza stampa quotidiana. I decessi salgono di 601 unità a quota 6.077 mentre i pazienti guariti sono 7.432 (408 in più rispetto a ieri). I nuovi positivi sono 4.789 contro i 5.560 di ieri, si nota quindi un rallentamento dei contagi. “Non mi sento di sbilanciarmi, anche perché oggi vediamo gli effetti di quel che è avvenuto due settimane fa. Prendiamo atto che le misure funzionano ma è presto per parlare di trend in calo”. Così il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro. Continua  a leggere su Ilsole24ore

Decreto chiusure: sciopero in Lombardia. Cgil, Cisl, Uil: «Troppe aziende ancora aperte» Il sindacato confederale ha diffuso un comunicato unitario subito dopo l’uscita del decreto in cui si critica l’allungamento della lista delle attività che possono tenere aperto. (…) I metalmeccanici della Lombardia dichiarano per mercoledì 25 marzo lo sciopero regionale. Stessa cosa ha fatto anche la categoria dei chimici, sempre in Lombardia. Nel pomeriggio si sono aggiunti anche i metalmeccanici del Lazio. «Riteniamo che l’elenco sia stato allargato eccessivamente, ricomprendendovi settori di dubbia importanza ed essenzialità. Contemporaneamente, il decreto assegna alle imprese una inaccettabile discrezionalità per continuare le loro attività con una semplice dichiarazione alle Prefetture. Noi non ci stiamo!” Continua a leggere su Corriere.it

Leggi anche:
Il modello cinese di lotta al virus spiegato bene
Coronavirus: un giorno nella vita degli italiani a casa

Lucia Bosè morta di polmonite: addio alla star del cinema italiano e madre di Miguel. Lucia Bosé è morta di polmonite oggi a Segovia.  Qualche sito spagnolo, come il giornale El Mundo, parla di Coronavirus ma non c’è conferma ufficiale. Altri giornali riferiscono che i familiari non hanno voluto dire la causa precisa della morte; El Pais, dopo avere scritto della morte per coronavirus, ha corretto il tiro, limitandosi a citare la malattia polmonare “ricorrente in lei e in altri suoi familiari“. Lucia Bosè aveva compiuto 89 anni lo scorso gennaio. Continua a leggere su Il gazzettino

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Redazione centrale: Gabriella Canova, Simone Canova caporedattore centrale, Miriam Cesta settore Persona, Maria Cristina Dalbosco settore Società, Michela Dell’Amico settore Green

Potrebbe interessarti anche

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Redazione centrale: Gabriella Canova, Simone Canova caporedattore centrale, Miriam Cesta settore Persona, Maria Cristina Dalbosco settore Società, Michela Dell’Amico settore Green

Consigli per gli acquisti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy