Covid-19: A Milano c’è una casa di riposo che è scampata alla strage degli anziani. Ecco perché

Una mosca bianca, un’oasi di ragionevolezza e di buonsenso dove non c’è stato il massacro di anziani registrato in tante altre case di riposo

È la Casa per musicisti Giuseppe Verdi. Qui nemmeno un ospite è morto per Covid-19.

Dista poco più di un chilometro dal Pio Albergo Trivulzio (200 morti dall’inizio di marzo, in gran parte per Coronavirus): la casa di riposo, ora sotto inchiesta della magistratura, al centro delle polemiche. Ma il Trivulzio, la storica “baggina” dei milanesi, è solo la punta dell’iceberg.  Al 16 aprile si contano 2.478 decessi da Covid-19 accertati tra gli ospiti di Rsa (Residenze sanitarie assistenziali). Alcuni esempi: in Veneto 391 decessi, in Liguria 220, in Emilia 326, in Friuli un’ottantina, in Piemonte 252, un centinaio in Toscana, in Lombardia addirittura quasi 800.

E sono stime per difetto.

Poco più di un chilometro dalla “baggina”, dicevamo, ma sembra un altro pianeta: alla “Verdi” nessuno ha vietato le mascherine per non “spaventare” gli attempati ospiti, trattati alla stregua di bambini piccoli o di esseri incapaci di intendere. Nessuno ha ospitato da altre strutture pazienti “guariti” ma ancora fortemente contagiosi. Nessuno ha mescolato personale, parenti e ospiti, una volta scoppiato il virus.

Cosa ha fatto, invece, la “ Verdi” lo racconta bene l’ex direttore di “La Repubblica” e “La Stampa” sul suo sito www.mariocalabresi.com.  «Alla fine di febbraio, mentre al Trivulzio si discuteva sull’opportunità o meno di indossare le protezioni, la Casa di riposo per musicisti comprava sul mercato cinquemila mascherine e le distribuiva a tutto il personale e ai suoi settantuno ospiti. Ma la vera svolta per la Giuseppe Verdi arrivava domenica 8 marzo… Un’ospite, di 94 anni, che era ricoverata in ospedale, si era ammalata di Covid ed era morta, il marito, che poi sarebbe guarito, era stato contagiato andando a trovarla.
Non si potevano correre rischi, ci volevano scelte drastiche… Vietate le visite, gli incontri e ogni attività comune. Tutti gli ospiti dovevano restare tassativamente chiusi nelle loro camere, dove avrebbero ricevuto la colazione, il pranzo, la cena e la visita del medico ogni giorno. Da allora nessuno si è potuto muovere. Da allora, caso unico ed eccezionale, nessuno si è ammalato».

Non c’è stato bisogno di luminari della virologia o di genii che hanno tirato fuori dal cappello soluzioni alle quali nessuno poteva pensare.

È bastato usare il normale buonsenso, che altrove è mancato

E quella attenzione ai propri ospiti, per via dell’età soggetti fragili e a rischio, che dovrebbe essere la prima preoccupazione per chi si occupa di anziani.

Invece, purtroppo, stiamo parlando di una rara eccezione virtuosa, e non della normalità.

Immagine da Wikipedia

Sergio Parini

Sergio Parini

Ha lavorato come giornalista per diverse testate, tra cui “Donna Moderna”, “Linus”, “Il Manifesto”, “Panorama”. E' Direttore Editoriale di PeopleForPlanet

Potrebbe interessarti anche

Sergio Parini

Sergio Parini

Ha lavorato come giornalista per diverse testate, tra cui “Donna Moderna”, “Linus”, “Il Manifesto”, “Panorama”. E' Direttore Editoriale di PeopleForPlanet

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy