Covid-19, anche la Lombardia senza mascherina all’aperto

La novità farà probabilmente parte del nuovo Dpcm in arrivo

In arrivo molte novità per l’uso della mascherina, particolarmente rilevanti per la Lombardia che dovrebbe veder cadere l’obbligo di indossarla all’aria aperta, ultima regione che manteneva (e al momento mantiene) questa misura. Tuttavia, resta valido per tutti il principio che la mascherina va tenuta sempre a portata di mano e indossata, anche all’aperto, ovunque, nel momento in cui non si possa mantenere lo spazio di sicurezza di un metro tra persone. Resta ovunque l’obbligo di mascherina nei luoghi chiusi, almeno fino al 31 luglio. Le novità saranno ufficializzate domani con l’ultimo Dpcm, il decreto del presidente del Consiglio Giuseppe Conte che entrerà in vigore appunto martedì 14 luglio.

Mascherine dove e quando

Quindi le mascherine, e bene indossate, restano obbligatorie in tutti gli uffici pubblici, negozi e centri commerciali. Anche al ristorante quando ci si alza per andare alla cassa oppure al bagno, o quando si entra nelle palestre prima dell’allenamento, o sempre dal parrucchiere o nei centri estetici, negli ambulatori, nelle strutture sanitarie, nei musei, nei cinema o teatri, ma anche su treni, autobus e metropolitane. Dovranno continuare a indossarla senza sosta i commessi nei negozi, i ristoratori e i camerieri, ma anche il personale degli uffici pubblici e quello sanitario durante tutto l’orario di lavoro. Nei ricevimenti, solo gli ospiti potranno toglierla, ma solo se rispettano la distanza di sicurezza. 

La spiaggi di Sirolo, nel Conero, nelle Marche

Più controlli nelle spiagge

Sulle spiagge, e nei locali della movida, ci saranno più controlli e già ne arriva notizia con multe salate per chi si è recato al mare senza prima prenotare un posto con l’apposita app. Verifiche e accertamenti anche negli uffici pubblici e soprattutto nei ristoranti, nei bar, nelle palestre, in tutti i punti di ritrovo. Ricordiamo che oltre la multa, per i gestori può scattare il ritiro della licenza e la chiusura temporanea del locale.

I tre pilastri “sacri”

Alla base delle nuove regole il principio di prudenza che si basa sui soliti tre punti: mascherina, almeno un metro di spazio tra le persone, lavaggio o disinfezione frequente delle mani. Un monito particolare arriva dal ministro della Salute Speranza a chi si sta accalcando nelle spiagge e fuori dai bar: “Se continueremo a rispettare le regole base, riusciremo a non vanificare quanto fatto finora. Sono sacrifici minori, ma i più importanti”.

In forse discoteche e fiere

Fiere, sagre, eventi pubblici e discoteche al chiuso potrebbero non vedere il semaforo verde neppure domani, essendo assembramenti per definizione: si attende il parere del comitato tecnico scientifico. Probabilmente il via libera arriverà solo per alcune regioni.

Leggi anche: Covid-19. I dati nel mondo. Cresce in Usa, genocidio in Brasile. In Italia 5 regioni con RT superiore a 1 Covid-19, il vaccino possibile solo grazie al sangue di un granchio raro

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei.

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei.

Consigli per gli acquisti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy