Covid-19, dimesso il “paziente 1”. Il suo appello: «Restate a casa. Io sono stato fortunato»

“Io sono stato fortunato perché ho potuto essere curato, ora potrebbero non esserci medici e mezzi per salvarti la vita”

Mattia, il 37enne di Codogno ritenuto il primo caso accertato di Coronavirus in Italia, è stato dimesso ieri dal Policlinico San Matteo di Pavia. Il giovane la sera del 19 febbraio era stato ricoverato nel presidio ospedaliero della cittadina del lodigiano per essere poi trasferito due giorni dopo nel reparto di rianimazione del San Matteo. Le sue condizioni all’arrivo nel policlinico pavese “erano gravissime”, ha sottolineato Francesco Mojoli, responsabile della Terapia Intensiva che lo ha seguito nei 18 giorni di ricovero in rianimazione: “Lo abbiamo stabilizzato ed è rimasto per diverso tempo in condizioni critiche“. È il 9 marzo che il “paziente 1” viene de-connesso dal ventilatore e trasferito in terapia sub intensiva, dove ha ricominciato a respirare autonomamente.

“Fondamentale restare in casa”

«Da questa mia esperienza le persone devono capire che è fondamentale restare in casa, la prevenzione è indispensabile per non diffondere l’infezione – ha detto in un audio trasmesso sulla pagina Facebook di Lombardia Notizie -. Questo può significare anche allontanarsi dai propri cari e dagli amici perché non sappiamo chi può essere contagioso. Io sono stato molto fortunato perché ho potuto essere curato, ora potrebbero non esserci medici, personale e mezzi per salvarti la vita».

«È difficile dopo questa esperienza fare un racconto di quello che mi è successo – ha detto il 38enne -. Ricordo il ricovero in ospedale a Codogno, mi hanno raccontato che per 18 giorni sono stato in terapia intensiva per poi essere trasferito nel reparto di malattie infettive dove ho ricominciato ad avere un contatto con il mondo reale e a fare la cosa più semplice e bella, che è respirare».

Leggi anche:
Per chi non capisse l’italiano, proviamo con il dialetto abruzzese: #stetevealacase E per chi non capisse l’abruzzese (ri)proviamo con l’italiano: #iorestoacasa Per chi non capisse italiano e abruzzese, proviamo con il toscano: #iononsorto E in napoletano ce lo dice Massimo Troisi: Statt a cas’

Miriam Cesta

Miriam Cesta

Giornalista professionista, collabora con diverse testate dedicate al mondo della salute, della medicina e del benessere.

Potrebbe interessarti anche

Miriam Cesta

Miriam Cesta

Giornalista professionista, collabora con diverse testate dedicate al mondo della salute, della medicina e del benessere.

Consigli per gli acquisti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy