Covid-19: lo smog collegato alla mortalità in Lombardia

La salute compromessa dall’inquinamento può essere stata determinante, in Cina come in Italia

I danni alla salute tipici dell’inquinamento atmosferico ascrivibile a traffico, riscaldamento e industria possono aumentare il tasso di mortalità derivante dalle infezioni di Coronavirus, o Covid-19. Lo sostiene un’indagine preliminare condotta da esperti americani, che – se confermata – potrebbe spiegare almeno in parte le alte percentuali di decessi a seguito dei contagi Covid-19 in Pianura Padana, una delle aree più fortemente inquinate d’Europa e tra le più colpite sia per numero di contagi che per mortalità a seguito della pandemia in atto.

All’origine del virus l’inquinamento

Non a caso, numerose ipotesi avevano già collegato la stessa nascita del virus all’inquinamento e alla deforestazione, alla scomparsa degli habitat e in generale a un pianeta in forte sofferenza. Già sottolineato anche il fatto che anche l’Hubei – la regione cinese dove il virus è nato – è tra le zone più inquinate della Cina, a sua volta uno dei paesi più inquinati al mondo.

La ricercatrice italiana

È italiana la ricercatrice che ne parla al Guardian. “I pazienti con malattie croniche causate o aggravate da un’esposizione prolungata all’aria inquinata, sono svantaggiati nel combattere le infezioni ai polmoni e sono dunque a maggior rischio di non farcela. Questo è probabile anche nel caso di esposizione a Covid-19”, ha spiegato Sara De Matteis, Università di Cagliari, membro del Comitato per la salute ambientale della Società Respiratoria europea. “Abbassando il livello di inquinamento possiamo sostenere la lotta a questa e a future pandemie”, ha aggiunto.

Anche a prescindere dalle pandemie, ogni anno – come ben noto – l’aria inquinata causa almeno 8 milioni di morti nel mondo, causando gravi danni respiratori e cardiocircolatori.

Leggi anche
Covid-19: chi non mostra sintomi infetta 1 persona su 10
Covid-19, l’origine in smog, clima, deforestazione

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei.

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy