Covid-19, l’Uk donerà ai Paesi poveri le dosi in eccesso del vaccino, ma a fine anno. La Francia vuole un 4-5% adesso

Al G7 anche gli Usa annunciano la strategia di condivisione Covax

Boris Johnson si impegnerà a donare la maggior parte della fornitura di vaccini in eccesso del Regno Unito ai paesi poveri. Lo ha detto poco fa in un incontro virtuale del G7 Boris Johnson, precisando però che quando e quanto sarà deciso solo entro la fine dell’anno, tenendo conto della catena di approvvigionamento interna. Il premier britannico ha anche invitato i Paesi più ricchi a progettare nuovi vaccini per quelle che già oggi si preannunciano come malattie emergenti e potenzialmente pandemiche. Il Regno Unito ha ordinato in tutto oltre 400 milioni di dosi di vaccini vari contro covid-19.

Macron: meglio poco, ma subito

Nella stessa sede, il presidente francese Emmanuel Macron ha detto che i Paesi più ricchi dovrebbero inviare fino al 4-5% delle loro attuali forniture di vaccini alle nazioni più povere. In stile tipicamente inglese, il ministro degli Esteri James Cleverly ha risposto tramite la BBC che il Regno Unito “guarda a una cifra significativamente maggiore di quella”. Ma il premier francese insiste sulle tempistiche, più che sulle quantità: “Si tratta di assegnare molto rapidamente il 4-5% delle dosi che abbiamo. Non cambierà le nostre campagne di vaccinazione interne, ma significherebbe trasferirne decine di milioni, molto velocemente”, in modo insomma da porre un freno globale alla pandemia.

Da parte sua, invitando l’Europa e gli Stati Uniti a inviare urgentemente fino al 5% delle loro forniture di vaccino contro il coronavirus alle nazioni in via di sviluppo, il presidente Macron ha aggiunto che la mancata condivisione dei vaccini in modo equo rafforzerebbe la disuguaglianza globale. Naturalmente, infatti, finora la stragrande maggioranza delle vaccinazioni è stata somministrata da Paesi ad alto reddito.

Anche gli Usa aderiscono a Covax

La Casa Bianca ha detto, da parte sua, che il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, annuncerà un impegno di 4 miliardi di dollari in finanziamenti per un programma globale di condivisione dei vaccini, noto come Covax.

Secondo i dati della Johns Hopkins University, a oggi sono almeno 110 milioni le persone infettate nel mondo, e più di 2,4 milioni sono morte.

Leggi anche:

Covid-19, si sveglia ascoltando She’s A Rainbow dei Rolling Stones

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy