Covid-19, Pasqua: chiuse le regioni ma aeroporti aperti. Dove si può viaggiare (da turisti)?

La stessa contraddizione dello scorso Natale

È scoppiata la polemica su questo punto, ma in pochi ricordano che era così anche a Natale. Non si poteva andare dalla mamma, soprattutto se abita in una regione diversa e rossa, ma si poteva volare alle Canarie, famose tra l’altro per il loro clima perennemente temperato. Ma l’elenco (vedi sotto) dei Paesi che aprono ai turisti senza quarantena, ma con un solo tampone, è ormai lungo.

Nessun senso logico

Quindi, se anche a Pasqua sarà impossibile andare persino nelle seconde case vuote, in alcune regioni che hanno imposto delle limitazioni ulteriori, come la Valle d’Aosta e la Toscana, ad esempio, o men che meno in albergo al mare, si potranno invece raggiungere le località turistiche di mezzo mondo. Il settore turistico italiano, già provato dalla crisi sanitaria, non l’ha presa molto bene. Ad alzare la voce, e a non far passare nuovamente questa contraddizione, ci ha pensato Bernabò Bocca, 57 anni, torinese, presidente di Federalberghi: “Mentre hotel e ristoranti restano chiusi si consente agli italiani di partire per le Canarie o per le crociere nel Mediterraneo”.

Viaggiare per turismo si può?

Il Viminale ha infatti chiarito in una nota, e sottolineato nelle Faq del governo, che gli spostamenti finalizzati a raggiungere il luogo di partenza (come gli aeroporti) sono ammessi purché si viaggi “muniti di autocertificazione”, e vale anche in zona rossa. Insomma, tutto lascia pensare che i viaggi da e verso l’estero siano di fatto consentiti.

Ad oggi, sono questi i Paesi in cui al momento è autorizzato viaggiare anche per fini turistici. Sono quelli inclusi nell’elenco C del Dpcm 2 marzo 2021. Sono Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca (incluse isole Faer Oer e Groenlandia), Estonia, Finlandia, Francia (inclusi Guadalupa, Martinica, Guyana, Riunione, Mayotte ed esclusi altri territori situati al di fuori del continente europeo), Germania, Grecia, Irlanda, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi (esclusi territori situati al di fuori del continente europeo), Polonia, Portogallo (incluse Azzorre e Madeira), Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna (inclusi territori nel continente africano), Svezia, Ungheria, Islanda, Norvegia, Liechtenstein, Svizzera, Andorra, Principato di Monaco.

Il murales mangia-smog conquista l’Europa (e le scuole di Milano)

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Consigli per gli acquisti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy