Covid-19: ricetta medica via email o via sms per limitare gli spostamenti

Finalmente una nuova ordinanza stabilisce che non è più necessario il promemoria cartaceo

Obiettivo: limitare il più possibile le occasioni di uscita da casa da parte dei cittadini

Al via ricetta medica via mail o via messaggio sul telefono: l’obiettivo è limitare il più possibile le occasioni di uscita da casa da parte dei cittadini per cercare di mettere un argine alla diffusione dei contagi del nuovo coronavirus Covid-19. A commentare la firma da parte del Capo Dipartimento della Protezione Civile dell’ordinanza che consente ai cittadini di ottenere dal proprio medico il “Numero di ricetta elettronica” senza più la necessità di ritirare fisicamente, e portare in farmacia, il promemoria cartaceo, è il ministro della Salute Roberto Speranza: “Dobbiamo fare di tutto per limitare gli spostamenti e ridurre la diffusione del virus Covid-19. Puntiamo con forza sulla ricetta medica via email o con messaggio sul telefono. Un passo avanti tecnologico che rende più efficiente tutto il Sistema sanitario nazionale”.

Ricetta virtuale: tre possibili modi

Nell’ordinanza si legge che al momento della generazione della ricetta elettronica da parte del medico prescrittore, l’assistito può chiedere al medico il rilascio del promemoria dematerializzato ovvero l’acquisizione del Numero di Ricetta Elettronica tramite:

a) trasmissione del promemoria in allegato a messaggio di posta elettronica, laddove l’assistito indichi al medico prescrittore la casella di posta elettronica certificata (PEC) o quella di posta elettronica ordinaria (PEO);

b) comunicazione del Numero di Ricetta Elettronica con sms o con applicazione per telefonia mobile che consente lo scambio di messaggi e immagini, laddove l’assistito indichi al medico prescrittore il numero di telefono mobile;

c)  comunicazione telefonica da parte del medico prescrittore del Numero di Ricetta Elettronica laddove l’assistito indichi al medesimo medico il numero telefonico.

In Italia più morti che in Cina

Il bollettino diramato ieri dalla Protezione civile sull’epidemia Covid-19 ha messo in evidenza come il numero dei decessi nel nostro Paese abbia superato quelli registrati in Cina: 3405 (dato aggiornato a ieri) contro i 3245 rilevati nel Paese asiatico focolaio del Covid-19. Attualmente il numero di contagi in Italia supera i 40 mila.

Ecco perché è molto importante limitare il più possibile le uscite da casa e mantenere le distanze.

Miriam Cesta

Miriam Cesta

Giornalista professionista, collabora con diverse testate dedicate al mondo della salute, della medicina e del benessere.

Potrebbe interessarti anche

Miriam Cesta

Miriam Cesta

Giornalista professionista, collabora con diverse testate dedicate al mondo della salute, della medicina e del benessere.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy