Covid-19, Roma: parte la sperimentazione sul primo volontario

Il virus-navetta usato nel vaccino deriva dai gorilla

Al via oggi la fase iniziale della sperimentazione al vaccino anti-Covid-19. Si tratta di quello messo a punto dall’azienda Biotech Reithera di Castel Romano e dall’istituto Spallanzani di Roma, finanziato dalla Regione Lazio con 5 milioni e dal ministero della Ricerca (3 milioni). Questa settimana il primo volontario riceverà la prima dose.

Oggi parte la fase 1

A questa fase ne seguiranno altre due, condotte su numeri più ampi di persone per avere riscontri sull’efficacia. Oggi il candidato vaccino – chiamato Grad-CoV2 – sarà somministrato a una sola persona, che sarà poi tenuta in osservazione per qualche ora. A distanza di quattro giorni si prevede la somministrazione ad altre due persone, poi ad altre quattro e così via fino ai 90 previsti in questa fase 1. Si prevede di cominciare da chi ha meno di 55 anni e di arrivare solo in un secondo momento a chi ne ha oltre 65. Il vaccino prevede un’unica somministrazione.

Come funziona

Sono due i vaccini progettati in Italia e l’altro è quello dell’azienda Takis, sempre di Castel Romano. Il principio si basa su un virus reso inoffensivo e incapace di moltiplicarsi, utilizzato per trasportare nelle cellule l’informazione genetica che corrisponde alla proteina Spike, quella che il coronavirus utilizza per invadere le cellule.

È il virus dei gorilla

Il virus-navetta usato nel vaccino deriva dai gorilla. Questo perché, rispetto al corrispettivo umano, non viene riconosciuto dagli anticorpi, raggiunge le cellule e le stimola a produrre solo quel frammento della proteina, che a sua volta stimolerà la produzione di anticorpi. I test finora condotti sui topi indicano che il vaccino è in grado sia di stimolare la produzione di anticorpi neutralizzanti, sia la riposta delle cellule immunitarie chiamate linfociti T killer, capaci di riconoscere le cellule colpite dal virus.

Leggi anche:

Covid-19, Acp: “Lo studio sui bimbi diffusori è stato frainteso”

Covid-19, ma quindi cani e gatti possono contagiarci?

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy