Covid-19, sono finite le biciclette

Si attendono ancora dettagli operativi per il bonus bici, ma sono già (quasi) esaurite

“I fornitori hanno finito le biciclette. Da tempo li contatto senza risultati: tutto esaurito”, mi dice Antonella Pesenti di Fridabike, che vende cargo e biciclette a Milano. Ma anche l’usato è stato preso d’assalto, segno che – bonus o no – la gente ha bisogno di una bici, e ne ha bisogno adesso. “A parte che lavoro come non ho mai lavorato prima per mettere a posto le bici tirate fuori dalle cantine – mi dice il Ciclista di via Cagnola, sempre a Milano – ma anche il mio piccolo mercatino di bici usate è completamente esaurito e non c’è passante (siamo sotto l’Arco della Pace, indi sono molti, ndr) che non mi chieda se ho bici d’occasione”. Anche la catena Decathlon ha il reparto vuoto.

La Stazione delle Biciclette di Milano con una lunga fila fuori (foto Igor Moskvin, CriticalMass)

“La situazione seguita al lockdown – spiega Rossignoli, marchio meneghino storico a gestione familiare – sta sottoponendo a fortissimo stress la filiera di produzione e di approvvigionamento dei componenti, per cui – per esempio – ci troviamo ad aspettare 10-15 giorni per ricevere le selle da montare sulle bici. In giorni normali, sarebbero arrivate in due giorni. Per dare l’idea della situazione, il prestigioso marchio Bianchi, cui siamo legati da tanti anni, ha il magazzino semivuoto”.

400mila bici in più dell’anno scorso

È bici mania a Milano e speriamo sia davvero l’alba di un nuovo futuro. Complice il rimborso fino a 500 euro sull’acquisto di bici e monopattini. Inoltre, le città stanno progettando piani per la mobilità sostenibileincentivando l’uso delle biciclette e realizzando piste ciclabili: il nuovo codice della strada dà la precedenza alle bici. Questo ha portato a un vero e proprio assalto ai negozi, con le scorte in molti casi finite. Gli stabilimenti, quindi, devono produrre più che mai, vista la domanda in continuo aumento. Le previsioni parlano di 400mila biciclette vendute in più quest’anno rispetto al 2019.

Boom, bonus a parte

Bonus mobilità a parte, a incentivare l’acquisto della bici c’è anche altro. “Dalle prime indicazioni che riceviamo dalla rete dei rivenditori  sembrerebbe che l’incentivo medio erogato, che non può superare il 60% del prezzo della bicicletta, sia pari a 300 euro– spiega Piero Nigrelli, direttore settore ciclo di Confindustria Ancma –. Sulla base di questo e considerata la dote del provvedimento, al momento pari a 120milioni di euro, la misura potrebbe generare vendite per 400mila pezzi, tra biciclette elettriche e normali”. Ma a generare interesse non è solo il bonus: “fin dal 5 maggio, giorno della ripartenza, c’è stato un boom di richieste di riparazioni per bici che erano in cantina e che improvvisamente per molti italiani erano diventate il mezzo su cui contare per muoversi in sicurezza nella fase 2. E chi non ne aveva una, ha deciso di comprarla, anche senza incentivi”, che del resto sono stati decisi anche retroattivi a partire proprio da quella data.

Colpa del lockdown

Resta il dubbio che le aziende riescano a sostenere il flusso della domanda, visto il fermo di oltre due mesi durante il lockdown. “Fra qualche settimana potrebbe mancare il prodotto. Non averci permesso di produrre per due mesi avrà delle conseguenze”.

Cargo e mountain bike

Bici elettriche o a pedalata assistita, mountain bike, perché c’è anche tanta voglia di sport e di montagna, dato che le spiagge non sembrano riservare nulla di particolarmente allettante. E cargo. “Anche questo settore – finora decisamente di nicchia – si sta velocemente espandendo, continua Antonella Pesenti – e le famiglie o chi vuole fare delivery “sostenibile” e salutare hanno alzato la domanda della cargo bike”, bici da trasporto, ma scattanti e compatte quanto serve.

Che fare?

Se avete bisogno di sistemare la vostra bici e l’attesa è troppo lunga, ci sono corsi ben fatti da seguire e anche da mettere a frutto, se per caso vorreste pensare di fare della bicicletta il vostro lavoro. Un esempio sono quelli di BikeItalia. Se invece volete la bicicletta, ma non ne trovate più, valutate l’acquisto di un mezzo usato, ma qui garantito dalla passione di chi lo frequenta e Critical Bike Market MILANO su Facebook (esiste anche in altre città). Normalmente il mercatino online vende anche pezzi di ricambio, ma per rispondere al boom ha deciso provvisoriamente di accettare solo post di chi vende bici complete.

A Milano nuove ciclabili

A dare speranza e coraggio ai poveri milanesi imbruttiti da una città sempre e comunque solo a misura di macchina, le splendide e miracolose nuove ciclabili spuntate in città. “In certi momenti – mi dice un ciclista lungo il nuovo Corso Buenos Aires – in certi punti della città, ti senti un abitante di un paese nordico, uno di quelli che da anni e per vocazione hanno messo le persone al centro, regalando spazio a pedoni, bici e mezzi non solo non inquinanti, ma anche leggeri, capaci di occupare poco spazio, silenziosi e così divertenti da guidare”. Il Comune, tramite il suo assessore Granelli, promette di continuare veloce e inesorabile, mentre spuntano sempre nuove e urgenti richieste (qui ad esempio una bella petizione su Change che chiede un collegamento sicuro per le bici tra il quartiere Boschetto – Stazione S9 di Trezzano sul Naviglio). Ci siamo ricreduti, Milano merita la fiducia che Greta Thunberg dopo il Guardian le hanno concesso, per un progetto ambizioso e subito partito bene. Avanti tutta.

Per approfondire:
Come non farsi rubare la bici: i consigli di un ladro
Marche, la destinazione dell’anno (in bici)
La rivoluzione della “bici scatola”

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei.

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy