Covid-19, studio: più sport fai, meno rischi corri

Gli inattivi hanno +226% probabilità di essere ricoverati, +173% di finire in terapia intensiva e +49% probabilità di morire

Non era difficile immaginarlo ma arriva la conferma scientifica (e che conferma) che l’attività fisica regolare taglia il rischio di ammalarsi gravemente di covid. Secondo uno studio pubblicato sul British Journal of Sports Medicine, le persone che si sono esercitate regolarmente e poi sono risultate positive al SARS-CoV-2 avevano meno probabilità di sperimentare esiti più gravi.

Tutto lo sport aiuta

Importante sottolineare che anche le persone chi faceva sport, ma non così assiduamente, hanno comunque riscontrato benefici significativi rispetto alle persone che avevano affermato di esercitarsi poco, 10 minuti o meno a settimana.

Uno studio dettagliato

L’analisi ha preso in esame 48.440 adulti ammalati di covid, età media 47 anni. Il 62% erano donne. La maggior parte dei partecipanti rientrava nella categoria “attività fisica moderata”; il 6,4% soddisfaceva i livelli di attività fisica raccomandata negli Stati Uniti e un 14,4% è stato classificato costantemente inattivo. Sebbene siano noti i vantaggi dello sport sulla salute, e anche sui malati di covid, i risultati hanno sorpreso i ricercatori. I pazienti che erano “costantemente inattivi” avevano il 226% di probabilità in più di essere ricoverati in ospedale, il 173% di probabilità in più di finire in terapia intensiva e il 149% in più di probabilità di morire.

Un suggerimento alla politica

“Crediamo fermamente che i risultati di questo studio rappresentino una linea guida chiara e attuabile che può essere utilizzata dalle popolazioni di tutto il mondo per ridurre il rischio di gravi esiti di COVID-19, inclusa la morte”, ha detto a Medscape l’autore dello studio Deborah Rohm Young, PhD. “Il potenziale di un’attività fisica regolare per ridurre la gravità della malattia da COVID-19 dovrebbe essere promosso dalla comunità medica e dalle agenzie di sanità pubblica”.

Cosa significa essere attivi

“Portare a spasso il cane significa essere fisicamente attivi”, ha commentato Ross Arena, professore e capo del dipartimento di terapia fisica presso l’Università dell’Illinois al Chicago College of Applied Health Sciences. “Non devi correre una maratona o andare in palestra e correre su un tapis roulant 60 minuti al giorno. Anche se sarebbe fantastico”, ha spiegato a WebMD. “È già un vantaggio muoversi di più e sedersi di meno”.

Young e colleghi hanno scoperto, ad esempio, che rispetto alle persone che hanno riferito di esercitarsi da 11 a 149 minuti ogni settimana, il gruppo inattivo aveva il 120% di probabilità in più di essere ricoverato in ospedale, il 110% in più di probabilità di aver bisogno di ricovero in terapia intensiva e il 132% in più di probabilità di morire.

Come una medicina

“Sappiamo da molto tempo che la funzione immunitaria migliora con una regolare attività fisica, e coloro che sono regolarmente attivi hanno una minore incidenza, intensità dei sintomi e morte per infezioni virali”, ha detto Young. Ulteriori vantaggi includono una maggiore capacità polmonare e una migliore funzione cardiovascolare e muscolare “che può servire a ridurre gli impatti negativi di COVID-19”, ha aggiunto.

“Per dirla semplicemente, l’esercizio è una medicina. Se hai una migliore funzione cardiaca e polmonare di base, come ti aspetteresti da qualcuno che soddisfa le linee guida sull’attività fisica, è logico che puoi resistere meglio al fattore di stress del covid-19 che ha un impatto molti sistemi corporei “, ha detto a Medscape Monica Verduzco-Gutierrez, MD, presidente del Dipartimento di Medicina Riabilitativa presso la Long School of Medicine dell’UT Health San Antonio in Texas.

#PortaLaTazza e #PortaIlBicchiere: ti regaliamo un giro! L’idea di una giovane barista

Doppia vergogna a Brescia: la Comunità Montana a cena (in 20) con specie protette nel piatto

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy