Covid-19: Tokyo 2020, Giochi Olimpici rimandati al 2021

Una decisone attesa e necessaria

L’evento, che sarebbe dovuto iniziare il 24 luglio, si svolgerà ora “non oltre l’estate 2021”.

“Ho proposto di rimandare di un anno e il presidente CIO Thomas Bach si è setto d’accordo al 100%”, ha affermato Shinzo Abe, primo ministro giapponese.

L’evento si chiamerà ancora Tokyo 2020 nonostante avrà luogo nel 2021.

In una dichiarazione congiunta, gli organizzatori di Tokyo 2020 e il CIO hanno dichiarato: “La diffusione senza precedenti e imprevedibile dell’epidemia ha visto il deterioramento della situazione nel resto del mondo.Ora ci sono più di 375.000 casi registrati in tutto il mondo e in quasi tutti i paesi, e il loro numero sta crescendo di ora in ora. Nelle circostanze attuali e sulla base delle informazioni fornite oggi dall’OMS, il presidente del CIO e il primo ministro del Giappone hanno concluso che i Giochi della XXXII Olimpiade di Tokyo devono essere riprogrammati per una data successiva al 2020, ma non più tardi dell’estate 2021, per salvaguardare la salute degli atleti, di tutti i partecipanti ai Giochi olimpici e la comunità internazionale “.

Mentre i Giochi sono il più grande evento sportivo internazionale a essere colpiti dalla pandemia, c’è stato un impatto enorme su una serie di altri importanti tornei e sport:

  • Nel rugby, la fine delle Sei Nazioni di quest’anno è stata rinviata
  • Nel calcio, Euro 2020 è stato posticipato e si giocherà nell’estate del 2021, rinviate anche a data da destinarsi le partire di Champions e Europa League
  • I primi otto gran premi della stagione di Formula 1 sono stati rimandati, con l’annullamento del Gran Premio di Monaco.
  • Tutte le forme di tennis professionistico sono state rinviate al 7 giugno, mentre gli Open di Francia – il secondo Grande Slam dell’anno, sono stati riprogrammati per settembre.

Il CIO si era concesso una scadenza di quattro settimane per considerare di ritardare i Giochi, ma c’era stata una crescente pressione da una serie di commissioni olimpiche e atleti che chiedevano una decisione più rapida.

Il presidente del Comitato Paraolimpico Internazionale Andrew Parsons ha dichiarato che il rinvio è “l’unica opzione logica”.  “La salute e il benessere della vita umana devono sempre essere la nostra priorità numero uno e mettere in scena un evento sportivo di qualsiasi tipo durante questa pandemia non è semplicemente possibile. Lo sport non è la cosa più importante in questo momento, preservare la vita umana invece è essenziale. Quindi, che vengano prese tutte le misure per cercare di limitare la diffusione di questa malattia.”

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Redazione centrale: Gabriella Canova, Simone Canova caporedattore centrale, Miriam Cesta settore Persona, Maria Cristina Dalbosco settore Società, Michela Dell’Amico settore Green

Potrebbe interessarti anche

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Redazione centrale: Gabriella Canova, Simone Canova caporedattore centrale, Miriam Cesta settore Persona, Maria Cristina Dalbosco settore Società, Michela Dell’Amico settore Green

Consigli per gli acquisti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy