Ursula von der Leyen

Covid-19, Ue: “Il 37% dei fondi del Recovery Fund per l’ambiente”

“L’Italia ospiterà il prossimo Summit sulla Salute”

Le emissioni dell’Unione europea sono calate “del 25% dal 1990 a oggi” ma “la nostra economia è cresciuta del 60%” nello stesso periodo. “Ci stiamo avviando a un’economia circolare con emissioni carboniche neutre, e il 37% dei fondi del piano Next Generation EU andrà usato per attuare il Green Deal”, lo garantisce la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, durante il suo primo discorso sullo stato dell’Unione all’Eurocamera, a Bruxelles. La presidente ha poi evidenziato il primato Ue per emissione di obbligazioni verdi e ha annunciato l’obiettivo di “trovare il 30% dei 750 miliardi (del Recovery Fund, ndr) grazie ai green bond”, ovvero strumenti finanziari relativamente nuovi, ma che hanno conosciuto un tasso di crescita straordinario dal 2007 a oggi. Si tratta di obbligazioni come tutte le altre, la cui emissione è legata però a progetti che hanno un impatto positivo per l’ambiente, come l’efficienza energetica, la produzione di energia da fonti pulite, l’uso sostenibile dei terreni ecc. .

Un cloud europeo, 5 e 6 G

In questo momento di emergenza globale – ha continuato la presidente – è “il momento migliore per investire nell’industria tecnologica europea”.

Von der Leyen ha anche annunciato che il 20% dei fondi del Next Generation Eu (quello che noi chiamiamo Recovery Fund) sarà investito proprio sul digitale per creare tra l’altro un “cloud europeo” per la conservazione dei dati,  puntando sullo “sviluppo di 5G, 6G e fibra di vetro”, per raggiungere la sovranità digitale dell’Europa e stabilire “un’identità digitale europea sicura”.

Uniti per un vaccino condiviso

Von der Leyen ha parlato poi della necessità e dell’utilità di una Europa unita anche sul fronte della sanità, soprattutto in questo momento, annunciando un vertice globale sul tema, in Italia. Obiettivo, tra l’altro, dire no alla corsa individualista da parte delle nazioni agli accaparramenti futuri del vaccino.

Una nuova Schengen

“Abbiamo una nuova strategia per Schengen”, ha poi aggiunto Von der Leyen, al fine di rafforzare il mercato interno europeo. Tutto in vista della ripresa delle economie del continente dopo la caduta del Pil del 12%. Ma dato che “il virus gira ancora, occorre trovare un equilibrio tra garantire sostegno finanziario e sostenibilità dei bilanci”, ha detto la presidente che poi ha aggiunto: “Tutti nell’Unione devono avere i salari minimi. Funzionano ed è giunto il momento che il lavoro ripaghi. Il dumping salariale distrugge la dignità del lavoro e penalizza gli imprenditori, distorce la concorrenza del mercato interno. Bisogna porre fine a questa situazione”. Il termine inglese, in economia, si riferisce a offerte commerciali più vantaggiose per il mercato estero che per quello interno. La definizione, applicata al mercato del lavoro, indica la svalutazione del salario a cui si applicano regole diverse e costi più bassi rispetto a quelli del paese di provenienza del lavoratore.

Leggi anche:

Il Green New Deal, una speranza per gli USA e per il pianeta

Covid-19, Istat: “Aumenta povertà e disuguaglianza”. Oxfam: “Le big farmaceutiche sostengano tutti”

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei.

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei.

Consigli per gli acquisti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy