Covid-19, stop agli sport di contatto (calcio, basket, judo, rugby…)

Ma solo se “tra amici”

Assieme alle feste private – inviti a cena, compleanni, matrimoni … – il governo confermerà oggi la richiesta del Comitato tecnico-scientifico di limitare gli sport da contatto a livello amatoriale. Gli esperti ritengono che queste attività aumentino i contagi visto che il coronavirus si diffonde tramite particelle di saliva che vengono espulse con il respiro, la cui diffusione aumenta quando si compie attività fisica (così come quando si parla a tono elevato o si canta).

Vietate solo le partitelle

Per il momento, questa misura non riguarderà il livello professionistico ma neppure le attività svolte sotto il controllo di società che hanno attivato il protocollo anti coronavirus. In sostanza, lo stop si limita alle partitelle tra amici in piazza o in cortile, al parco o sulla spiaggia.

Si al tennis e piscina

Via libera senza limiti agli sport individualisti come il tennis o la corsa. Si salvano per ora anche palestre e piscine, a patto che gli ingressi siano contingentati e tutta l’attività si svolga su prenotazione, in base a un numero stabilito di ingressi e di persone che fruiscono degli ambienti.

Covid-19, vaccino antinfluenzale spray nei bambini: “Una scelta cieca”

Covid-19: Science, ecco chi sono i super-diffusori

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy