Covid, KFC invita a non leccarsi più le dita

Primi erano stati i Fonzies invitando a “godere responsabilmente”

Che tristezza! Triste ma necessario il passaggio culturale, sociale e mentale che frena la leccata di dita. Kentucky Fried Chicken, noto anche come KFC, ha annunciato lunedì che sospenderà il suo slogan “finger lickin ‘good”, vecchio 64 anni, dicendo che “non sembra proprio giusto” in questo momento.

Non è proprio il caso…

“Ci troviamo in una situazione unica: avere uno slogan iconico che non si adatta perfettamente all’ambiente attuale”, ha affermato in una dichiarazione Catherine Tan-Gillespie, responsabile marketing globale di KFC. “Mentre sospendiamo l’uso di “È buono da leccarsi le dita,” ti assicuro che il cibo bramato da così tante persone in tutto il mondo non sta cambiando per niente”, rassicura.

Lo slogan aveva prodotto da marzo, ovvero dall’inzio della pandemia, oltre 150 reclami presentati contro la società alla Advertising Standards Authority del Regno Unito.

Prima i Fonzies

KFC segue così la scelta dei Fonzies​, brand del gruppo Mondelēz International, che notoriamente invitava ad assaporate i suoi croccantini di mais leccandosi le dita. Pena: “si gode solo a metà!”. Già a maggio scorso Fonzies aveva chiesto un parere alla sua agenzia creativa. La risposta fu l’azzeccata campagna ​#GodiResponsabilmente​, un progetto creativo con un messaggio divertente ma responsabile​. Parte dell’idea anche la ​#NoFingersChallenge​, sfida social partita lo scorso 23 aprile, in cui volti noti della community ​ScuolaZoo ​hanno invitato gli utenti del profilo instagram di Fonzies a trovare un modo alternativo di mangiarli senza usare le mani.

Covid-19, Treviso: ritorno dalle ferie in aziende-focolaio. “Chiudete i macelli dell’Aia”

Caro Conte, siamo sopra i mille contagiati al giorno: col Covid serve la linea dura

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Consigli per gli acquisti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy