Cronaca del giorno in cui si estinsero i dinosauri: il killer non fu (solo) l’asteroide

I geologi dell’Università del Texas hanno analizzato per la prima volta le rocce presenti sul sito d’impatto dell’asteroide

Incendi, tsunami e aria resa irrespirabile da nubi di zolfo che oscurarono i raggi solari causando un raffreddamento globale. Era questo il pianeta Terra dopo essere stato colpito, 66 milioni di anni fa, da un asteroide. Un luogo inospitale che spazzò via molte creature viventi, a partire dai dinosauri. La conferma è arrivata da “Il primo giorno del Cenozoico”, lo studio coordinato da Sean Gulick, dell’università del Texas ad Austin, pubblicato sulla rivista dell’Accademia Americana delle Scienze (Pnas). I geologi hanno per la prima volta analizzato le rocce sul sito d’impatto dell’asteroide grazie alla perforazione del cratere di Chicxulub, sepolto fra il mare e la terraferma sotto la penisola dello Yucatan. Analizzando le carote di materiali prelevati dal cratere, scavando i tra i 500 e i 1.300 metri di profondità, è stato possibile ricostruire lo scenario e risalire a quanto accaduto entro le prime 24 ore dall’evento che ha condannato a morte il 75% della vita del pianeta.

CONTINUA SU RAINEWS.IT

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Redazione centrale: Gabriella Canova, Simone Canova caporedattore centrale, Miriam Cesta settore Persona, Maria Cristina Dalbosco settore Società, Michela Dell’Amico settore Green

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Redazione centrale: Gabriella Canova, Simone Canova caporedattore centrale, Miriam Cesta settore Persona, Maria Cristina Dalbosco settore Società, Michela Dell’Amico settore Green