Decoriamo il Natale dando una seconda vita ai nostri rifiuti

Consigli creativi per trasformare la più comune spazzatura in oggetti decorativi!

Quando si parla di riciclo intendiamo l’insieme di strategie e metodologie volte a recuperare materiali utili dai rifiuti al fine di riutilizzarli anziché smaltirli direttamente in discarica.

Diffidate quindi da quei metodi che vi suggeriscono l’uso di materiali che non siano vera e propria spazzatura. Pratiche che si autodefiniscono di riciclo, ma che poi implicano l’acquisto di materiali da trasformare, non si possono per definizione inserire in questa categoria.

In questo articolo vi proponiamo una serie di consigli creativi su come trasformare la più comune spazzatura in oggetti decorativi: suggerimenti per dare svago alla nostra creatività e donare una nuova vita a un oggetto che, diversamente, sarebbe finito nel bidone dell’immondizia. Inoltre, se state già pensando agli acquisti da mettere sotto l’albero per amici e parenti, i nostri suggerimenti possono essere un’ottima soluzione per i regali natalizi: green e economici, come vedrete non è necessario mettere mano al portafoglio.

Con l’aiuto di un adulto possono diventare passatempi divertenti anche per i più piccoli, soprattutto con l’arrivo delle giornate fredde. Il divertimento è assicurato e la soddisfazione personale è garantita.

1) Ieri Barattolo, oggi Candela.

Conserve, marmellate, creme e salse… ognuno di noi aprendo il proprio frigorifero s’imbatte sicuramente in un barattolo di vetro. Per chi non sa cosa farsene questa idea vi aiuterà. 

Cosa ci serve e come procedere (cliccare sulle immagini per leggere le istruzioni):

Serve un barattolo di vetro, una retina che troviamo come involucro di patate, aglio o cipolle, un nastrino tenuto da parte dai regali dell’anno scorso (si può anche ricavare dalle maniglie di sacchetti di carta non più utilizzabili) un paio di forbici, uno scotch e un lumino.
Ricaviamo la retina dall’involucro scelto tagliandola dalla confezione, avvolgiamola intorno barattolo di vetro e fissiamo con un pezzetto di scotch sul fondo del contenitore. Tagliamo la retina mezzo centimetro sopra il bordo del barattolo e fissiamola con il nastrino sul bordo del barattolo con un fiocco stretto.
Inseriamo il lumino et voilà! La candela e pronta! Bella di giorno… e anche di sera!

2) La renna di Natale profumata

Una decorazione natalizia dell’ultimo minuto semplice e veloce, ma soprattutto con materiali che possiamo sicuramente trovare in casa. Trasformiamo dei tappi di sughero in simpaticissime e profumate renne di natale!

Cosa ci serve e come procedere (cliccare sulle immagini per leggere le istruzioni):

Cosa ci serve: 3 tappi di bottiglia in sughero (uno per creare le zampe, uno per il corpo e l’ultimo per la testa), due perline/paillettes, due rametti di rosmarino, un foglio di carta bianco e una penna o pennarello nero, un coltello, uno stuzzicadente, le forbici e la colla. 

Come procedere: tagliamo i tappi in sughero per creare il corpo della renna: > Tappo (le zampe): tagliamo a metà il tappo, e a sua volta tagliamo a metà le due parti. Tappo (la testa): tagliamo a metà il tappo.
Riepilogo. Dobbiamo avere: un tappo intero, un mezzo tappo e un tappo tagliato in quattro. Incolliamo le parti: le 4 zampe e la testa.
Prendiamo carta e pennarello e disegniamo un piccolo cerchietto esterno e uno più piccolo interno. Quest’ultimo lo coloriamo di nero, così fa creare gli occhi. Ritagliamo e incolliamoli sulla testa, applichiamo con la colla la perlina/ paillettes sulla parte anteriore della testa così da creare il naso. Procediamo con le corna! Facciamo due fori con lo stuzzicadente sulla parte posteriore della testa e inseriamo i due rametti di rosmarino.
In ultimo, applichiamo sulla parte posteriore della renna la coda. Ed eccola pronta!

3) Dal caffè al pupazzo di neve

Terzo e ultimo lavoretto di Natale, anche il più semplice. Utilizziamo sempre dei tappi di sughero, questa volta però ci servono quelli tipici delle bottiglie di spumante, con l’inverno alle porte e il freddo che avanza una buona bottiglia di vino si stappa più facilmente!

Cosa ci serve e come procedere (cliccare sulle immagini per leggere le istruzioni):

Ci serve: un tappo di spumante, una capsula del caffè, tempera bianca, un pennarello o tempera nera e un pennarello o tempera arancione. Un coltello e un pennello
Come procedere: colorare di bianco il tappo e lasciarlo ad asciugare bene; colorare di nero i bottoni, gli occhi e la bocca e colorare di arancione il naso del pupazzo; applicare con della colla (o stuzzicadente) il cappellino sulla superficie superiore del tappo.
Il pupazzo è pronto.
Bello come decorazione tra le piante o anche, con l’aiuto di un nastrino colorato, da appende all’albero di Natale!

Immagine di copertina: Armando Tondo

Commenta con Facebook
Claudia Faverio

Claudia Faverio

Collabora con People For Planet come social media manager e content analyst

commenta

Claudia Faverio

Claudia Faverio

Collabora con People For Planet come social media manager e content analyst