Decreto scuola: la notte ha portato consiglio

Dopo l’estate il concorso per 32mila precari, nessun quiz a luglio

Il decreto scuola è stato varato nella notte, pare grazie alla mediazione di Giuseppe Conte.

Gli insegnanti saranno a scuola dall’1 settembre a tempo determinato, secondo le graduatorie d’istituto. Successivamente si farà il test scritto.

Un compromesso insomma, tra le richieste della Ministra Azzolina e quelle di Pd e Leu anche se, a volerla dire tutta, la soluzione è più vicina a quelle di questi ultimi, tanto che la Ministra in serata aveva ventilato l’ipotesi di lasciare l’incarico dopo che Conte aveva dichiarato: «Non possiamo spaccarci sulla scuola».

Alla fine comunque contenti tutti: resta la prova per l’assunzione dei 32mila insegnanti precari ma sarà svolta dopo l’estate e in forma scritta, non per quiz. Niente crocette, dunque. Una soluzione, viene fatto osservare dal governo, «Che permette di combattere il precariato garantendo la meritocrazia».

Pace fatta?

Per poter iniziare in tempo l’anno scolastico comunque i 32mila saranno assunti con un contratto a tempo determinato partendo dalle graduatorie di Istituto.

I dettagli non sono ancora stati resi noti ma si è fumato il calumet della pace, almeno per un po’.

«Abbiamo 78mila insegnanti da assumere nel primo e secondo ciclo fra concorsi ordinari e concorso straordinario. Sono numeri importanti e dobbiamo fare presto», ha dichiarato la Ministra dell’Istruzione anche se la sua richiesta di fare subito il concorso a quiz non è stata accolta.
E non sono state ancora fissate le successive date del bando ordinario per medie e superiori e quelle per la prova per l’infanzia e la primaria.

Insomma, i problemi della scuola durante e dopo la pandemia sono molti, ancora non sono chiare le modalità con cui i nostri ragazzi torneranno tra i banchi, che ruolo avrà la didattica a distanza… e così via.

Aspettiamo fiduciosi certi (?) che a settembre sarà tutto risolto e chiarissimo perché senz’altro gli studenti non sono imbuti.

Leggi anche:
Prima le biciclette, poi le auto: il decreto rilancio modifica il codice della strada
Covid-19, i disabili e le loro famiglie dimenticati

Foto di 潜辉 韦 da Pixabay 

Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.

Potrebbe interessarti anche

Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.

Consigli per gli acquisti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy