Diébédo Francis Kéré: una storia africana

L’architettura al servizio dell’Africa

Diébédo Francis Kéré nasce nel 1965 nel villaggio di Gando, in Burkina Faso, e per studiare prima va a vivere nella capitale Ouagadougou e poi, grazie a una borsa di studio, si laurea in architettura in Germania, dove costituisce l’associazione Schulbausteine für Gando per sostenere lo sviluppo del suo Paese.
In Burkina Faso le case sono in balia della natura. A volte arriva un acquazzone e spazza via tutto…” racconta Kéré. “Fin da piccolo mi faceva arrabbiare vedere con quanta fatica la gente del villaggio costruiva qualcosa, che poi veniva distrutto in un battito di ali. Per questo ho scelto di studiare architettura, per portare stabilità e armonia là dove mancava”.

Con i fondi raccolti attraverso la sua associazione inizia nel 2000 la costruzione della prima scuola proprio a Gando, suo villaggio natale, coniugando quello che ha imparato in Germania con i metodi tradizionali di costruzione del Burkina Faso.
La scuola è costituita da blocchi di terra cruda compressa, a cui si aggiunge un doppio tetto, sollevato rispetto all’edificio da una capriata d’acciaio, così che l’aria possa fluire libera riparando comunque l’edificio dalla pioggia.
Kéré ci mette un po’ a spiegare agli abitanti del villaggio il proprio progetto, ma quando li convince diventano i suoi più abili ed entusiasti collaboratori. Tutti partecipano alla costruzione della scuola: uomini, donne e bambini.
Semplice, essenziale e magnifica, la realizzazione della scuola vale a Kerè il Premio Aga Khan per l’Architettura nel 2004.
Negli anni successivi la sua fama cresce, i suoi lavori vengono esposti al Moma di New York, realizza il Volksbühne Satellite Theater di Berlino, e altre cinque installazioni tra cui i londinesi Sensing Spaces Pavilion (2013-2014) e Serpentine Gallery Pavilion (2016-2017).

Ma la sua grande passione resta l’Africa.
Negli anni successivi la scuola di Gando è stata ampliata, sono stati aggiunti un giardino, gli alloggi per i docenti, un centro di aggregazione per donne, una biblioteca, la scuola secondaria. Man mano che i progetti si sviluppano, Kerè usa nuovi materiali, cercando di ridurre al minimo quelli più costosi, come l’acciaio, ad esempio.
In seguito sono state costruite altre scuole in altri villaggi e un centro medico ai confini con il Ghana; vi sono poi progetti ad ampio respiro, come quello che prevede la realizzazione di una piantagione di alberi di mango per soddisfare il fabbisogno vitaminico di una popolazione che si nutre soprattutto di miglio bollito, scarso di valori nutrizionali.

Istruzione, cibo per l’anima e cibo per il corpo. Così l’Africa può ritornare agli africani.

Fonti:
http://www.floornature.it/diebedo-francis-kere-5663/
http://www.abitare.it/it/ricerca/pubblicazioni/2018/07/13/francis-kere-una-monografia/

Fonte imm: http://www.kere-architecture.com/

Commenta con Facebook
Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.

commenta

Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.