Dopo aver visto questo video nessuno dirà più “se l’è andata a cercare”

“Pensateci due volte la prossima volta che giustificate uno stupro” scrive la pagina Facebook che lo ha condiviso

“Lei sembra provocatoriamente benestante” e, quindi, “se l’è cercata”. Questo non è l’ultimo commento social alla notizia dell’ennesima violenza sessuale, ma una delle scene della serie comica “Tracey Ullman’s Show” in onda sul canale televisivo BBC One.

Il video della scena è stato sottotitolato e pubblicato sulla pagina Facebook “Psicologia Applicata” insieme alla frase “Pensateci due volte la prossima volta che giustificate uno stupro”.

Nella clip, il caso in questione è una rapina. All’uomo, che denuncia di essere stato derubato e minacciato con un coltello, la donna che lo sta interrogando in una caserma che i suoi vestiti sono “provocatori” per i ladri: “È un po’ come un invito a farlo, no?” e così “se l’è cercata”. Più o meno lo stesso tono di frasi scritte o dette a commento di notizie di donne vittime di una violenza sessuale. Si è verificato solo pochi giorni fa per la ragazza di 16 anni, che a Melito Porto Salvo, provincia di Reggio Calabria, ha subito per 3 anni gli abusi da parte di un branco di 9 uomini, tra cui Giovanni Iamonte, figlio del boss della ‘ndrangheta Remigio Iamonte.

“Era nuda, se l’è cercata. Che ci faceva in giro da sola a mezzanotte?” sono state le frasi topiche su Facebook anche per il caso di cronaca della ragazza di 16 anni stuprata a Roma dal dipendente del ministero della Difesa, in forza presso l’Arsenale della Marina. Anche per questo caso è stata lunghissima la sfilza di post che esprimono la stessa idea: “Oggi a 16 anni vanno in giro praticamente nude”, commenta un utente, mentre un altro scrive: “Cercate di essere meno provocanti”.

Continua su HUFFINGTONPOST.IT

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!

commenta

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!