Elizabeth Sombart: «La mia musica tra (e contro) il dolore»

Elizabeth Sombart: «La mia musica tra (e contro) il dolore»

La pianista francese ha iniziato negli orfanotrofi di Parigi. Ora suona in mezzo alle guerre, tra profughi e rifugiati, negli ospedali.

«Com’è iniziato tutto?». Elizabeth Sombart ripete la domanda, e in quel ripeterla c’è l’elastico che la spinge indietro a scavare nell’album dei ricordi e poi in avanti, a trovare le parole per rispondere. Nella sua voce c’è la cadenza francese, che poi però sembra tedesca, a volte anche russa, tante quante sono le origini dei suoi genitori e prima ancora dei suoi nonni. Lei è nata a Strasburgo, è una pianista di fama mondiale, internet dice che ha sessant’anni ma ha lo sguardo da ragazzina e la saggezza plastica che, guardandola, potresti attribuire a una pianta secolare. Cammina a piedi nudi nella sede italiana di Résonnance, la fondazione con cui da anni porta la musica classica là dove la musica classica, da sola, non arriverebbe mai. In mezzo alle guerre, tra profughi e rifugiati, negli ospedali, nelle carceri. E negli orfanotrofi, come il luogo in cui tutto è iniziato.

«Bussai alla porta di un orfanotrofio di Parigi e chiesi di parlare con la direttrice», racconta Elizabeth. «Poi, alla direttrice, chiesi di poter suonare e insegnare gratis la musica a quei bambini. “Ma tra i nostri programmi non abbiamo la musica”, mi rispose. “Inseritela”, dissi io. E lei, di rimando: “Comunque non potremmo farlo con lei. Collaboriamo con associazioni, mica con il primo che bussa alla porta”. Tornai qualche giorno dopo essermi messa al lavoro. Bussai e chiesi di nuovo della direttrice. “Ancora lei?”, mi disse. No, stavolta non sono io. Sono un’associazione». Era nata Résonnance. Era nato il progetto di portare la musica classica nei luoghi della sofferenza e nel dolore. Un piccolo passo per Elizabeth, un grande passo per l’umanità.

CONTINUA A LEGGERE SU CORRIERE.IT

Commenta con Facebook
Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!

commenta

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!