Etero, lesbo o gay? La confusione dell’orientamento sessuale in adolescenza

Etero, lesbo o gay? La confusione dell’orientamento sessuale in adolescenza

Ilaria Fontana, psicologa e psicoterapeuta, descrive questo processo di ricerca dell’identità.

“Non so se mi piacciono le femmine o i maschi, ancora non l’ho capito” S. (14 anni).
Sono moltissimi gli adolescenti che si pongono questa domanda e districandosi tra l’ansia e la curiosità cercano una risposta precisa. Tutti sanno per esperienza che l’adolescenza è una fase tormentata della vita, non solo per la crescente spinta all’indipendenza (motore di fondo dei grandi scontri con l’autorità genitoriale e con tutte le figure autoritarie in generale) ma anche perché è il periodo in cui si inizia a delineare l’identità dell’individuo adulto. Infatti è proprio in questa fase dello sviluppo che hanno inizio le grandi domande esistenziali “Chi sono io, che cosa voglio e dove voglio andare?”. Non è un caso che questa tappa evolutiva coincida con l’esordio della maturità sessuale. In effetti si chiama adolescenza quel periodo della vita il cui inizio può essere collocato intorno ai 11-13 anni di età per terminare circa a 18-20 anni. E’ in questo lasso di tempo che avviene lo sviluppo ormonale.

Tutto cambia tutto si trasforma.

Sotto la spinta degli ormoni il corpo attraversa tutta una serie di trasformazioni che segnano il passaggio dall’infanzia alla pubertà, segnato dallo sviluppo delle caratteristiche sessuali primarie (testicoli e ovaie) e secondarie (peli, muscolatura, genitali esterni, voce).
Il bambino sente il proprio corpo trasformarsi da acerbo e senza forme ad uno energico, prestante e maturo. A questa maturazione visibile a livello fisico ne corrisponde anche una cognitiva e sentimentale; in parole povere il bambino si trasforma in una persona complessa e multisfaccettata. Quando lavoro con gli adolescenti non è raro ascoltare espressioni di disagio verso questo corpo così “espressivo e caotico” che li fa sentire strani, in imbarazzo, a causa delle sue protuberanze non ben definite, i seni irregolari nella forma e nella dimensione, i genitali troppo piccoli o troppo grandi, i peli, i brufoli, ciuffi di barba ingestibili, ecc.
Questo corpo, nuovo e ancora non ben definito nelle sue varie parti, può dare vita a un profondo senso di insicurezza e di inadeguatezza. L’adolescente è incastrato tra le domande “Piacerò agli altri?” e “Gli altri piacciono a me?”

Io e gli altri: giochi di attrazione

Ecco la fonte di molti turbamenti adolescenziali: l’altro, colui che è fuori da noi, ma che ha un indiscutibile potere di farci sentire giusti o sbagliati. Ci sentiamo irrimediabilmente attratti dagli altri e contemporaneamente temiamo il coinvolgimento sentimentale. Ed è proprio verso questo altro indefinito che l’adolescente muove la sua prima curiosità sessuale.
C. mi dice: “Quando io e la mia amica ci facciamo delle confidenze, ce le sussurriamo alle orecchie e questa cosa a volte mi fa venire i brividi e mi vergogno così tanto che mi allontano”.
P. racconta “Nello spogliatoio mi sento profondamente in imbarazzo, ho paura che gli altri mi guardino. Sono sicuro che mi guardano, perché anche io guardo loro, ma non perché mi piacciono i maschi, è per prenderci in giro”.
L’altro, maschio femmina che sia, con la sua vicinanza fisica, i suoi movimenti, le risate e i profumi scatena delle spinte di attrazione intellettuale e sessuale. Noi siamo animali sociali e l’altro ci affascina. Ed ecco che con la maturità sessuale matura anche un interesse più profondo e coinvolgente verso chi ci è a fianco.
In genere il gruppo dei pari è il primo contesto di confronto sessuale: l’adolescente inizia a guardare gli amici con una maggiore attenzione e curiosità e sotto la spinta degli ormoni il cervello cattura dei particolari che fino a quel momento erano indifferenti. Il colore degli occhi di un amico, il modo di camminare di un’amica, la morbidezza dei capelli, il delinearsi dei muscoli del braccio o dei glutei…

Il dilemma dell’orientamento sessuale

Questa profonda fascinazione verso gli altri e il loro corpo può essere confusa con l’amore e l’attrazione sessuale tanto da far nascere la confusione circa il proprio orientamento sessuale, vale a dire verso quale genere maschile o femminile ci si sente attratti sessualmente.

Continua a leggere qui: https://bit.ly/2XoDUMh
Ilaria Fontana – Psicologa e Psicoterapeuta

Leggi anche:
Cos’è il ritiro sociale in adolescenza: Hikikomori (Video)
Adolescenti, troppo smartphone di notte. A rischio insonnia, violenza e bullismo
Covid-19 e distanziamento fisico: salute mentale degli adolescenti a rischio

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Redazione centrale: Gabriella Canova, Simone Canova caporedattore centrale, Miriam Cesta settore Persona, Maria Cristina Dalbosco settore Società, Michela Dell’Amico settore Green

Potrebbe interessarti anche

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Redazione centrale: Gabriella Canova, Simone Canova caporedattore centrale, Miriam Cesta settore Persona, Maria Cristina Dalbosco settore Società, Michela Dell’Amico settore Green

Consigli per gli acquisti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy