Facebook, il monopolio social rischia lo smembramento

Chris Hughes, classe 1983, è il più atipico rispetto alla narrativa della Silicon Valley.

Tra i cofondatori di Facebook, Chris Hughes, classe 1983, è il più atipico rispetto alla narrativa della Silicon Valley. Quando nell’estate del 2006 l’allora ceo di Yahoo!, Terry Siemel, offrì un miliardo di dollari per comprare l’azienda, lui sperava «disperatamente che Mark dicesse di sì» ha raccontato in un lungo editoriale pubblicato dal New York Times. Lo stesso anno si laureò, a differenza degli altri compagni di stanza e fondatori – Zuckerberg, Eduardo Saverin e Dustin Moskovitz – che lavoravano su quel sito nato in sordina nella stanza di Harvard.

E nel 2008 lasciò l’azienda si unì a Obama nella campagna presidenziale. Ha poi rilevato la rivista New Republic, ma è andata male e l’ha ceduta, e ieri sulle colonne del primo quotidiano americano ha sferrato uno degli attacchi più duri che si siano registrati nell’ultimo complicato biennio di Facebook in termini di immagine, dopo lo scandalo privacy, la diffusione di fake news e le conseguenze sulla formazione dell’opinione pubblica.

In sintesi Hughes propone che Facebook venga smembrata in tre diverse aziende, una per servizio. Facebook, Instagram, WhatsApp. Critica la decisione fatta allora dall’Ftc, la Federal Trade Commission, di approvare l’acquisizione di Instagram da parte di Facebook, per un miliardo nel 2012, e WhatsApp, per 22 miliardi nel 2014. In quel biennio Mark Zuckerberg, intuendo che Facebook stava invecchiando e i teenager volevano una comunicazione più veloce e privata, ha gettato le basi per il decennio successivo. Messe le mani su Instagram, e tramontata l’ipotesi di comprare l’astro nascente Snapchat perché il ceo Evan Spiegel non ne voleva sapere, un po’ come fatto da Zuckerberg con Terry Siemel, ha portato sulla piattaforma social fotografica appena rilevata le funzioni più innovative di Snapchat, ovvero le stories. Così Snapchat fuori dagli Stati Uniti non è mai decollato.

CONTINUA SU ILSOLE24ORE.COM

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!