Fotovoltaico, la luce del sole per sconfiggere i tumori

Una coppia di ricercatori americani sta testando come la tecnologia impiegata nel fotovoltaico sarebbe in grado di mettere K.O. le cellule tumorali

Durante una passeggiata nei viali del campus della Michigan State University, la coppia di ricercatori Sophia e Richard Lunt hanno avuto un’intuizione: le molecole attive nelle celle solari possono essere usate anche per colpire e uccidere le cellule tumorali in modo più efficace, ovvero applicare la scienza del fotovoltaico – già impiegata in molti campi – alla medicina e chirurgia oncologica. E in effetti hanno poi scoperto, che la tecnologia fotovoltaica può effettivamente essere utilizzata per attaccare le cellule tumorali. 

In un’intervista Sophia, biologa e biochimica molecolare ha affermato: “Abbiamo testato questo concetto su topi affetti da carcinoma mammario, polmonare e cutaneo e fino ad ora è tutto molto promettente”. L’applicazione principale riguarda i coloranti fluorescenti attivati dalla luce per la diagnosi della patologia, ma anche in campo chirurgico, nella visualizzazione del tumore specifico attraverso le immagini. 

Trattando chimicamente le nanoparticelle di sale organico, i Lunts sono stati in grado di controllarle in una serie di studi sul cancro. L’introduzione delle nanoparticelle nella zona non tossica ha portato ad un miglioramento dell’immagine e spingendole nella gamma fototossica— o attivata dalla luce— ha prodotto un efficace trattamento oncologico della zona tumorale. Mentre le applicazioni per il trattamento del cancro hanno la maggior possibilità di sviluppo scientifico, i risultati prodotti hanno un potenziale che va oltre l’oncologia. Secondo Richard Lunt, professore di ingegneria chimica e scienza dei materiali alla Michigan State University, le rilevanze del fotovoltaico possono applicarsi alla biomedicina così come alla fotocatalisi, ovvero all’accelerazione delle reazioni chimiche con la luce. La chiave è stata imparare a controllare l’elettronica delle molecole foto-attive indipendentemente dalle loro proprietà ottiche e quindi fare il salto per applicare questa nozione in un modo nuovo a un campo apparentemente non correlato. I risultati sono pubblicati nell’attuale numero di Scientific Reports.

Photo by Louis Reed on Unsplash

Caterina Conserva

Caterina Conserva

Giornalista con la passione per l'ecologia, i libri e le lunghe camminate in giro per il mondo

Caterina Conserva

Caterina Conserva

Giornalista con la passione per l'ecologia, i libri e le lunghe camminate in giro per il mondo