Giornata mondiale della salute mentale: depressione in aumento

Gli esperti: non abbiate paura di chiedere aiuto

Le malattie mentali sono la principale causa di morte, disabilità e impatto economico al mondo, e sono molto più frequenti di quanto si possa pensare. Per questo “i disturbi mentali dovrebbero essere considerati la principale sfida per la salute globale del XXI secolo”, spiega Claudio Mencacci, presidente della Società Italiana di Neuropsicofarmacologia. Perché non può esserci salute senza salute mentale. Eppure ancora oggi questi disagi vengono spesso taciuti, tenuti nascosti, tanto da chi ne soffre quanto dai familiari, per paura dello stigma sociale. Proprio per aumentare la conoscenza di questi disturbi e sensibilizzare all’importanza del parlarne e del chiedere aiuto si celebra oggi la Giornata mondiale della salute mentale.

Leggi anche: Diabete, ansia e depressione: ecco le malattie che si scovano sui diari di Facebook

Depressione in aumento

Tra i disturbi mentali la depressione è uno dei più diffusi ed è in aumento – a oggi coinvolge circa 300 milioni di persone, il 20% in più che nel 2005 – tanto da essere riconosciuta dall’Organizzazione mondiale della sanità come la prima causa di disabilità a livello globale (fino a 20 anni fa occupava il quarto posto).

In Italia interessa 3 milioni di persone, di cui 2 milioni donne, e ancora oggi spesso non viene trattata adeguatamente: a fronte di un milione di persone che soffre di disturbo depressivo maggiore (depressione maggiore o unipolare), solo la metà viene trattata correttamente e tempestivamente. Con conseguenze che possono essere anche molto gravi, come il suicidio. Per questo la comunità scientifica chiede di non abbassare la guardia, di non aver paura di parlarne, di confrontarsi e di chiedere aiuto. 

Leggi anche: Le scarpe dei matti di Aversa

Prevenire il suicidio

Proprio alla prevenzione del suicidio è dedicata la giornata mondiale della salute mentale di quest’anno. Un atto estremo che può riguardare chi soffre di depressione maggiore – se non trattata correttamente questa patologia è associata a un’elevata mortalità, stimata intorno al 15% – oltre che persone con disturbi dell’umore: si calcola infatti che una su tre tenta di suicidarsi almeno una volta nell’arco della vita.

Miriam Cesta

Miriam Cesta

Giornalista professionista, collabora con diverse testate dedicate al mondo della salute, della medicina e del benessere.

Miriam Cesta

Miriam Cesta

Giornalista professionista, collabora con diverse testate dedicate al mondo della salute, della medicina e del benessere.